Differenze tra le versioni di "Crono"

(Inganno di Rea e caduta di Crono)
m (Sostituzione testo - '|specificità=Divinità del Tempo' con '|specificità=Divinità del Tempo |sub=-')
(16 versioni intermedie di 5 utenti non mostrate)
Riga 1: Riga 1:
[[Immagine:cronogoya.jpg|thumb|150 px|right| Goya, Saturno che divora uno dei suoi figli]]  
+
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Maschio
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Grecia
 +
|origine=Greci
 +
|tipologia=Divinità
 +
|sottotipologia=Divinità delle Astrazioni
 +
|specificità=Divinità del Tempo
 +
|sub=-
 +
|indole=Neutrale
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=Terra
 +
|habitat=Cielo
 +
|ambiti=[[Elenchi:Tempo|Tempo]]
 +
}}
 +
 
 
ll più giovane dei [[Titani]], figlio di [[Urano]] e di [[Gea]].  
 
ll più giovane dei [[Titani]], figlio di [[Urano]] e di [[Gea]].  
  
 
==L'evirazione di Urano==
 
==L'evirazione di Urano==
Crono, con l'aiuto della madre, si ribellò ad [[Urano]], il quale nascondeva ogni suo figlio, appena nato, nelle viscere della Terra. Con una falce d'acciaio costruita dalla stessa [[Gea]] evirò il padre. In questo modo ebbe fine il regno di [[Urano]] ed incominciò quello di Crono, la famosa età dell'Oro. Crono si unì con la sorella [[Rea]] e generò sei figli: [[Ade]], [[Demetra]], [[Era]], [[Estia]], [[Poseidone]] e [[Zeus]].
+
Crono, con l'aiuto della madre, si ribellò ad [[Urano]], il quale nascondeva ogni suo figlio, appena nato, nelle viscere della Terra. Con una falce d'acciaio costruita dalla stessa [[Gea]] evirò il padre. In questo modo ebbe fine il regno di [[Urano]] ed incominciò quello di Crono, la famosa età dell'Oro. Crono si unì con la sorella [[Rea (1)|Rea]] e generò sei figli: [[Ade]], [[Demetra]], [[Era]], [[Estia]], [[Poseidone]] e [[Zeus]].
  
 
==Inganno di Rea e caduta di Crono==  
 
==Inganno di Rea e caduta di Crono==  
Crono però, avvertito da [[Urano]] e [[Gea]] che uno dei suoi figli lo avrebbe spodestato, ogni volta che [[Rea]] partoriva un figlio egli lo inghiottiva. [[Rea]], stanca di questo sopruso, quando era incinta di [[Zeus]] chiese consiglio ad [[Urano]] e [[Gea]] per poterlo sottrarre a Crono. Quando quest'ultimo reclamò il figlio, [[Rea]] lo ingannò offrendogli al suo posto una pietra avvolta nelle fasce. Quando [[Zeus]] crebbe, spodestò il padre, così come era stato predetto. Secondo una leggenda orfica [[Zeus]] imprigionò Crono, mentre egli era ebbro del miele che, nell'Età dell'Oro, gocciolava dalle querce. In seguito [[Zeus]], riappacificatosi con il padre, lo avrebbe condotto ai confini del mondo affidandogli il regno dell'Isola dei Beati, unico luogo in cui ancora sopravvive l'Età dell'Oro.
+
Crono però, avvertito da [[Urano]] e [[Gea]] che uno dei suoi figli lo avrebbe spodestato, ogni volta che [[Rea (1)|Rea]] partoriva un figlio egli lo inghiottiva. [[Rea (1)|Rea]], stanca di questo sopruso, quando era incinta di [[Zeus]] chiese consiglio ad [[Urano]] e [[Gea]] per poterlo sottrarre a Crono. Quando quest'ultimo reclamò il figlio, [[Rea (1)|Rea]] lo ingannò offrendogli al suo posto una pietra avvolta nelle fasce. Quando [[Zeus]] crebbe, spodestò il padre, così come era stato predetto. Secondo una leggenda orfica [[Zeus]] imprigionò Crono, mentre egli era ebbro del miele che, nell'Età dell'Oro, gocciolava dalle querce. In seguito [[Zeus]], riappacificatosi con il padre, lo avrebbe condotto ai confini del mondo affidandogli il regno dell'Isola dei Beati, unico luogo in cui ancora sopravvive l'Età dell'Oro.
 +
 
 +
 
  
== Riferimenti artistici ==
+
{{Bibliografia}}
*Francisco Goya, ''Saturno che divora uno dei suoi figli'', dipinto.
 
  
==Galleria==
+
==Museo==
<gallery>
+
<DPL>
Immagine:Cronogoya.jpg|<center>Francisco Goya, Saturno che divora uno dei suoi figli.
+
linksto=Crono
Immagine:Cronorea.gif|<center>L'inganno di Rea a Crono, cratere attico (part.) V sec. a.C., Louvre, Parigi
+
namespace=Immagine
</gallery>
+
ordermethod=titlewithoutnamespace
 +
order=ascending
 +
format=<gallery perrow=5>,%PAGE%|[[:Immagine:%TITLE%|%TITLE%]]\n,,</gallery>
 +
</DPL>
  
 +
[[Categoria:Mitologia Classica]]
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
[[Categoria:Divinità del Tempo]]
+
[[Categoria:Europa]]
 +
[[Categoria:Mediterraneo]]
 +
[[Categoria:Grecia]]
 +
[[Categoria:Divinità]]
 +
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
 +
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
 +
[[Categoria:Indole: Neutrale]]
 +
[[Categoria:Elemento: Terra]]
 +
[[Categoria:Habitat: Cielo]]
 +
[[Categoria:Tempo]]

Versione delle 13:10, 22 mar 2020

SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Divinità
Sottotipologia: Divinità delle Astrazioni
Specificità: Divinità del Tempo
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Neutrale
Elemento: Terra
Habitat: Cielo
Tematiche: Tempo

ll più giovane dei Titani, figlio di Urano e di Gea.

L'evirazione di Urano

Crono, con l'aiuto della madre, si ribellò ad Urano, il quale nascondeva ogni suo figlio, appena nato, nelle viscere della Terra. Con una falce d'acciaio costruita dalla stessa Gea evirò il padre. In questo modo ebbe fine il regno di Urano ed incominciò quello di Crono, la famosa età dell'Oro. Crono si unì con la sorella Rea e generò sei figli: Ade, Demetra, Era, Estia, Poseidone e Zeus.

Inganno di Rea e caduta di Crono

Crono però, avvertito da Urano e Gea che uno dei suoi figli lo avrebbe spodestato, ogni volta che Rea partoriva un figlio egli lo inghiottiva. Rea, stanca di questo sopruso, quando era incinta di Zeus chiese consiglio ad Urano e Gea per poterlo sottrarre a Crono. Quando quest'ultimo reclamò il figlio, Rea lo ingannò offrendogli al suo posto una pietra avvolta nelle fasce. Quando Zeus crebbe, spodestò il padre, così come era stato predetto. Secondo una leggenda orfica Zeus imprigionò Crono, mentre egli era ebbro del miele che, nell'Età dell'Oro, gocciolava dalle querce. In seguito Zeus, riappacificatosi con il padre, lo avrebbe condotto ai confini del mondo affidandogli il regno dell'Isola dei Beati, unico luogo in cui ancora sopravvive l'Età dell'Oro.


BIBLIOGRAFIA

Fonti antiche

Per visualizzare le fonti antiche su Crono vai a FontiAntiche:Crono

Fonti moderne

Per visualizzare le fonti moderne su Crono vai a FontiModerne:Crono

Museo