Ettore



				

				

Figlio primogenito di Priamo e di Ecuba, principale eroe troiano. Era uomo generoso e magnanimo, marito e padre affettuoso, figlio devoto. Difese Sarpedonte ferito, duellò con Aiace Telamonio, assaltò con successo il campo greco e appiccò il fuoco alle navi nemiche, uccise in duello Patroclo.

Indice

[modifica] La morte

Ettore cadde combattendo contro Achille, che lo trafisse alla gola; morendo preannunciò all'uccisore la prossima fine dell'uccisore. Questi trascinò il suo cadavere per tre volte intorno al sepolcro di Patroclo ma poi, impietosito dalle lacrime del vecchio Priamo, lo restituì al padre perché fosse arso sul rogo. La moglie di Ettore, Andromaca, andò, dopo la sua morte, schiava di Neottolemo e poi sposa di Eleno. Il figlio Astianatte, dopo la presa della città, fu invece scaraventato giù dalle mura per timore che potesse un giorno ristabilire il regno di Troia.

[modifica] Aurighi di Ettore

[modifica] Amici di Ettore


[modifica] Vittime di Ettore nella guerra di Troia


In tutto Ettore uccise 31 capi achei (secondo alcune versioni 32) e molti gregari. È secondo solo ad Achille per numero di uccisioni durante la guerra di Troia (Aiace ne uccise 29)

[modifica] Bibliografia

[modifica] Fonti antiche

Per visualizzare le fonti antiche su Ettore vai a FontiAntiche:Ettore

[modifica] Fonti moderne

Per visualizzare le fonti moderne su Ettore vai a FontiModerne:Ettore

[modifica] Riferimenti letterari

[modifica] La figura di Ettore nella letteratura postclassica

  • Dante, Commedia. L'eroe troiano è tra gli spiriti magni del Limbo.
  • William Shakespeare, Troilo e Cressida, tragedia.
  • Ugo Foscolo, Dei Sepolcri, carme. Nei versi conclusvi, Ettore viene additato come l'eroe per eccellenza:


E tu onore di pianti, Ettore, avrai,
ove fia santo e lagrimato il sangue
per la patria versato, e finché il Sole
risplenderà su le sciagure umane.


[modifica] Riferimenti artistici

  • Giorgio De Chirico, Ettore e Andromaca, dipinto.

[modifica] Museo