Clitennestra

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
m (Sostituzione testo - 'Categoria:Sovrani' con 'Categoria:Nobili Categoria:Sovrani')
Versione corrente (10:02, 19 ott 2019) (modifica) (annulla)
 
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|200px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Femmina
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Grecia
 +
|origine=Greci
 +
|tipologia=Umani
 +
|sottotipologia=Nobili
 +
|specificità=Sovrani
 +
|indole=Malevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=-
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=[[Elenchi:Adulterio|Adulterio]], [[Elenchi:Tradimento|Tradimento]], [[Elenchi:Uxoricidio|Uxoricidio]]
 +
}}
 +
Secondo la leggenda, Clitennestra (o Clitemnestra) nacque assieme a [[Castore]], [[Polluce]] ed [[Elena]], dall'uovo che [[Leda]] aveva concepito dopo il rapporto con [[Zeus]] che si era unito a lei sotto forma di cigno. Siccome [[Leda]] la stessa notte si accoppiò col marito [[Tindaro]], Clitennestra nacque dal seme di [[Tindaro]]. Clitennestra sposò in prime nozze [[Tantalo (2)|Tantalo]] re di Pisa (città del Peloponneso). [[Agamennone]], gli fece guerra, lo uccise, assieme al figlio e ne sposò la vedova Clitennestra. [[Castore]] e [[Polluce]], suoi fratelli, indignati mossero contro [[Micene]] (città di [[Agamennone]]). Ma [[Agamennone]], scaltro com'era, si recò subito da [[Tindaro]] che benedì il suo matrimonio e così si salvò dalla vendetta dei due [[Dioscuri]]. Dall'unione dei due nacquero: [[Elettra]], [[Ifigenia]], [[Crisotemi (2)|Crisotemi]] e [[Oreste]]. Quando [[Agamennone]] ebbe il comando delle truppe per la spedizione contro [[Troia]], alla partenza mancava il vento. Allora interrogato l'oracolo [[Calcante]], disse che ciò era dovuto ad uno sgarbo che [[Agamennone]] aveva fatto alla dea [[Artemide]] e per calmare la dea egli doveva sacrificare la propria figlia [[Ifigenia]]. [[Agamennone]] tergiversava, ma quando i Greci minacciarono di togliergli il comando, acconsentì al sacrificio anche se poi non fu consumato. Per questo fatto Clitennestra gli serbò rancore eterno. [[Egisto]], che aveva dei rancori nei confronti di [[Agamennone]], non partecipò alla guerra e rimanendo a corte insinuò il dubbio nel cuore Clitennestra che già aveva molto sofferto. Al ritorno dalla spedizione [[Agamennone]], venne dai due trucidato assieme ai suoi uomini e a [[Cassandra]], la principessa troiana divenuta sua schiava. In seguito [[Oreste]] lo vendicò uccidendo la madre. Secondo una versione, [[Egisto]] e Clitennestra, ebbero alcuni figli, tra cui [[Alete (2)|Alete]] ed [[Erigone]].
Secondo la leggenda, Clitennestra (o Clitemnestra) nacque assieme a [[Castore]], [[Polluce]] ed [[Elena]], dall'uovo che [[Leda]] aveva concepito dopo il rapporto con [[Zeus]] che si era unito a lei sotto forma di cigno. Siccome [[Leda]] la stessa notte si accoppiò col marito [[Tindaro]], Clitennestra nacque dal seme di [[Tindaro]]. Clitennestra sposò in prime nozze [[Tantalo (2)|Tantalo]] re di Pisa (città del Peloponneso). [[Agamennone]], gli fece guerra, lo uccise, assieme al figlio e ne sposò la vedova Clitennestra. [[Castore]] e [[Polluce]], suoi fratelli, indignati mossero contro [[Micene]] (città di [[Agamennone]]). Ma [[Agamennone]], scaltro com'era, si recò subito da [[Tindaro]] che benedì il suo matrimonio e così si salvò dalla vendetta dei due [[Dioscuri]]. Dall'unione dei due nacquero: [[Elettra]], [[Ifigenia]], [[Crisotemi (2)|Crisotemi]] e [[Oreste]]. Quando [[Agamennone]] ebbe il comando delle truppe per la spedizione contro [[Troia]], alla partenza mancava il vento. Allora interrogato l'oracolo [[Calcante]], disse che ciò era dovuto ad uno sgarbo che [[Agamennone]] aveva fatto alla dea [[Artemide]] e per calmare la dea egli doveva sacrificare la propria figlia [[Ifigenia]]. [[Agamennone]] tergiversava, ma quando i Greci minacciarono di togliergli il comando, acconsentì al sacrificio anche se poi non fu consumato. Per questo fatto Clitennestra gli serbò rancore eterno. [[Egisto]], che aveva dei rancori nei confronti di [[Agamennone]], non partecipò alla guerra e rimanendo a corte insinuò il dubbio nel cuore Clitennestra che già aveva molto sofferto. Al ritorno dalla spedizione [[Agamennone]], venne dai due trucidato assieme ai suoi uomini e a [[Cassandra]], la principessa troiana divenuta sua schiava. In seguito [[Oreste]] lo vendicò uccidendo la madre. Secondo una versione, [[Egisto]] e Clitennestra, ebbero alcuni figli, tra cui [[Alete (2)|Alete]] ed [[Erigone]].

Versione corrente

SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Femmina
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: Nobili
Specificità: Sovrani
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Malevola
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: Adulterio, Tradimento, Uxoricidio

Secondo la leggenda, Clitennestra (o Clitemnestra) nacque assieme a Castore, Polluce ed Elena, dall'uovo che Leda aveva concepito dopo il rapporto con Zeus che si era unito a lei sotto forma di cigno. Siccome Leda la stessa notte si accoppiò col marito Tindaro, Clitennestra nacque dal seme di Tindaro. Clitennestra sposò in prime nozze Tantalo re di Pisa (città del Peloponneso). Agamennone, gli fece guerra, lo uccise, assieme al figlio e ne sposò la vedova Clitennestra. Castore e Polluce, suoi fratelli, indignati mossero contro Micene (città di Agamennone). Ma Agamennone, scaltro com'era, si recò subito da Tindaro che benedì il suo matrimonio e così si salvò dalla vendetta dei due Dioscuri. Dall'unione dei due nacquero: Elettra, Ifigenia, Crisotemi e Oreste. Quando Agamennone ebbe il comando delle truppe per la spedizione contro Troia, alla partenza mancava il vento. Allora interrogato l'oracolo Calcante, disse che ciò era dovuto ad uno sgarbo che Agamennone aveva fatto alla dea Artemide e per calmare la dea egli doveva sacrificare la propria figlia Ifigenia. Agamennone tergiversava, ma quando i Greci minacciarono di togliergli il comando, acconsentì al sacrificio anche se poi non fu consumato. Per questo fatto Clitennestra gli serbò rancore eterno. Egisto, che aveva dei rancori nei confronti di Agamennone, non partecipò alla guerra e rimanendo a corte insinuò il dubbio nel cuore Clitennestra che già aveva molto sofferto. Al ritorno dalla spedizione Agamennone, venne dai due trucidato assieme ai suoi uomini e a Cassandra, la principessa troiana divenuta sua schiava. In seguito Oreste lo vendicò uccidendo la madre. Secondo una versione, Egisto e Clitennestra, ebbero alcuni figli, tra cui Alete ed Erigone.

Indice

[modifica] Bibliografia

[modifica] Fonti antiche

Per visualizzare le fonti antiche su Clitennestra vai a FontiAntiche:Clitennestra

[modifica] Fonti moderne

Per visualizzare le fonti moderne su Clitennestra vai a FontiModerne:Clitennestra

[modifica] Riferimenti letterari

[modifica] La figura di Clitennestra nella letteratura postclassica

  • Giovanni Boccaccio, De mulieribus claris, raccolta di biografie.

[modifica] Riferimenti musicali

  • Martha Graham, Clitennestra, balletto.