Atreo

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
m (Sostituzione testo - 'Categoria:Sovrani' con 'Categoria:Nobili Categoria:Sovrani')
Versione corrente (11:46, 22 mar 2020) (modifica) (annulla)
m (Sostituzione testo - '|specificità=Sovrani' con '|specificità=Sovrani |sub=-')
 
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|200px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Maschio
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Grecia
 +
|origine=Greci
 +
|tipologia=Umani
 +
|sottotipologia=Nobili
 +
|specificità=Sovrani
 +
|sub=-
 +
|indole=Malevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=-
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=[[Elenchi:Cannibalismo|Cannibalismo]], [[Elenchi:Fratricidio|Fratricidio]], [[Elenchi:Infanticidio|Infanticidio]], [[Elenchi:Uxoricidio|Uxoricidio]] 
 +
}}
 +
Figlio di [[Pelope]] e di [[Ippodamia]], che col fratello [[Tieste]] uccise il fratellastro [[Crisippo]], per cui furono entrambi cacciati dal padre, e ripararono a [[Micene]] dove regnava il loro cognato [[Stenelo]]. Quando [[Euristeo]], figlio di [[Stenelo]], morì, [[Tieste]] sedusse la moglie del fratello, [[Erope]], e per questo venne cacciato. Per vendicarsi mandò [[Plistene]], figlio di Atreo, a uccidere il padre che non conosceva, ma fu Atreo che senza conoscere [[Plistene]] lo uccise. Scoperto il fatto, Atreo, per vendicarsi, finse una pacificazione con [[Tieste]] e l'invitò a [[Micene]], dove gli diede da mangiare le carni dei suoi figli, [[Tantalo (3)|Tantalo]] e [[Plistene (2)|Plistene]], da cui il nome di "cene tiestee": secondo una variante del mito Atreo uccise e imbandì a Tieste anche i tre figlioletti che questi aveva generato con una [[Naiade]]. Una pestilenza invase il regno di Atreo in castigo di questo misfatto, e l'oracolo disse che bisognava pacificarsi con [[Tieste]]. Atreo lo cercò, e non trovando lui, portò a [[Micene]] il figlio [[Egisto]], che allevò come suo figlio. Poi [[Menelao]] ed [[Agamennone]], figli di Atreo, trovarono [[Tieste]] e lo condussero a [[Micene]]. Atreo mandò [[Egisto]] dal padre, [[Tieste]], perchè lo uccidesse, ma i due si riconobbero, e allora [[Egisto]] ammazzò Atreo, cacciò dalla città [[Agamennone]] e [[Menelao]] e usurpò il regno di [[Micene]].
Figlio di [[Pelope]] e di [[Ippodamia]], che col fratello [[Tieste]] uccise il fratellastro [[Crisippo]], per cui furono entrambi cacciati dal padre, e ripararono a [[Micene]] dove regnava il loro cognato [[Stenelo]]. Quando [[Euristeo]], figlio di [[Stenelo]], morì, [[Tieste]] sedusse la moglie del fratello, [[Erope]], e per questo venne cacciato. Per vendicarsi mandò [[Plistene]], figlio di Atreo, a uccidere il padre che non conosceva, ma fu Atreo che senza conoscere [[Plistene]] lo uccise. Scoperto il fatto, Atreo, per vendicarsi, finse una pacificazione con [[Tieste]] e l'invitò a [[Micene]], dove gli diede da mangiare le carni dei suoi figli, [[Tantalo (3)|Tantalo]] e [[Plistene (2)|Plistene]], da cui il nome di "cene tiestee": secondo una variante del mito Atreo uccise e imbandì a Tieste anche i tre figlioletti che questi aveva generato con una [[Naiade]]. Una pestilenza invase il regno di Atreo in castigo di questo misfatto, e l'oracolo disse che bisognava pacificarsi con [[Tieste]]. Atreo lo cercò, e non trovando lui, portò a [[Micene]] il figlio [[Egisto]], che allevò come suo figlio. Poi [[Menelao]] ed [[Agamennone]], figli di Atreo, trovarono [[Tieste]] e lo condussero a [[Micene]]. Atreo mandò [[Egisto]] dal padre, [[Tieste]], perchè lo uccidesse, ma i due si riconobbero, e allora [[Egisto]] ammazzò Atreo, cacciò dalla città [[Agamennone]] e [[Menelao]] e usurpò il regno di [[Micene]].
[[Categoria:Cannibalismo]]
[[Categoria:Cannibalismo]]
[[Categoria:Infanticidio]]
[[Categoria:Infanticidio]]
 +
[[Categoria:Fratricidio]]

Versione corrente