Ortro



				

				

È il più anziano figlio della progenie mostruosa di Echidna e Tifone. Fratello di Cerbero, come lui svolge funzioni di cane da guardia, anche se, molto più modestamente del fratello, fa semplicemente la guardia agli armenti di Gerione. In questa veste di cane pastore anche lui incontra Eracle, e gli soccombe. Si racconta che Ortro avesse commesso incesto con la madre Echidna, generando la Sfinge ed il Leone di Nemea, che quindi sono contemporaneamente suoi figli e fratellastri. Viene raffigurato in genere come un cane a due teste, a volte con la coda di serpente; ma anche come un cane del tutto normale. Va segnalato che secondo Pollux (V, 46), il nome del guardiano degli armenti di Gerione non sarebbe Ortro, ma Gergitus.