Konrul



				

				
SCHEDA ANAGRAFICA
IDENTITA'
Nome orig.: Koñrul
Etimologia: -
Sezione: Mitologia Ugro-Finnica
Origine: Magiari
Tipologia: Creature Fantastiche
Sesso: Femmina
ICONOGRAFIA E ATTRIBUTI
Aspetto: Animale-Animale
Animali: Serpente
Piante: -
Altri attr.: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: Aria
Habitat: Alberi
Ambiti: Immortalità, Resurrezione, Gemelli

Nella mitologia turco-magiara, il Konrul (si può pronunciare anche Kongrul, Konqrul, Koñrul; nell'Azerbaijan, Qonrul) è un uccello immortale, che ciclicamente si rigenera o rinasce.

Il Konrul viene rappresentato come un gigantesco uccello, grande abbastanza da poter trasportare un elefante. Ha l'aspetto di un pavone con la testa di cane e gli artigli di un leone; a volte viene descritto con il volto umano. Odia i serpenti e vive in luoghi ricchi d'acqua. Si dice che le sue penne siano color rame.

In un racconto popolare, un eroe salva i piccoli del Konrul uccidendo un serpente che si stava arrampicando sull'albero per cibarsene. In segno di gratitudine il Konrul gli dona tre delle sue piume, con cui l'eroe poteva richiamarlo in caso di bisogno, brucandole. L'eroe poi ne fa uso per farsi trasportare in una terra lontana. In un'altra versione, il Konrul lo trasporta fuori dal mondo degli inferi. In questa versione il Konrul allatta i suoi piccoli.

Si può individuare dai vari aspetti il parallelismo con la Fenice o il Samruk, e ancor di più con il Simurgh.

[modifica] Konrul e Turul

Nella mitologia turca il Konrul ha un gemello, chiamato Turul. Vengono chiamati anche con altri nomi, come Buğdayık e Kumayık, Semrük e Kerkes, o addirittura Semrük e Merküt (altro nome per Burkut), e talvolta Züzülö e Öksökö. Essi vivono nidificando sull'Albero della Vita (v. Gao-kerena), che si innalza al centro del mondo. La relazione che esiste tra Konrul e Turul è molto stretta. (v. Oksoko).


[modifica] Voci correlate