Oksoko



				

				
SCHEDA ANAGRAFICA
IDENTITA'
Nome orig.: Öksökö
Etimologia: -
Sezione: Mitologia Asiatica Tribale
Origine: Ittiti, Turchi
Tipologia: Creature Fantastiche
Sesso: Androgino
ICONOGRAFIA E ATTRIBUTI
Aspetto: Animale-Animale
Animali: -
Piante: -
Altri attr.: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: Aria
Habitat: Alberi, Paradiso
Ambiti: Creazione, Fulmini, Gemelli, Fortuna, Felicità

Nella mitologia turca l'Oksoko (Öksökö), chiamato anche Zuzulo (Züzülö), è l'aquila bicefala, collegata con il dio-aquila Burkut.

L'uccello Oksoko fa piovere il fulmine dal Cielo insieme con la pioggia fino alla Terra, che in cambio dà forma alle membra degli uomini e crea gli esseri umani. Il fulmine è portatore dell'Oz (in turco: Öz). Oz è l'anima dell'uomo. Questa energia contiene la Volontà di Tengri insieme con Scopo e Desiderio. Infatti l'Oksoko è composto da due uccelli, Toghrul e Kongrul (Tuğrul e Konrul), o altre volte Semruk e Merkut. L'Oksoko simboleggia la fortuna e la felicità.

[modifica] Origine

L'aquila bicefala si ritrova nei manufatti delle civiltà sumere, in particolare dei sigilli cilindrici scoperti a Boghazkoy, antica capitale ittita nell'odierna Turchia. Possono essere datati intorno al 3800 A.c. e si presume fosse il simbolo sumero del dio della città di Lagash.

[modifica] Toghrul e Konqrul (Turul e Konrul)

Le due parti dell'aquila rappresentano Kuyash (il Sole) e Yalchuk (la Luna), cioè la natura maschile quella femminile, come l'opposto Yin-Yang. Turul e Konrul sono uccelli gemelli nella mitologia turca e vengono chiamati anche Buğdayık e Kumayık o Semrük e Kerkes. Il loro nido è sull'Albero della Vita (v. Gao-kerena), al centro del mondo, e la relazione tra i due è molto profonda.

[modifica] Voci correlate