Mostro delle Eclissi



				

				

Presso tutti i popoli della terra troviamo l'idea che gli eventi astronomici più significativi (tramonto e sorgere del sole, fasi lunari) ed in particolar modo quelli sporadici ed inaspettati, come le eclissi, siano il risultato di una lotta tra esseri cosmici. L'idea quindi che qualche mostro sia costantemente in agguato per insidiare il corso normale delle cose, ed attentare dunque alla vita stessa dell'umanità, è sembrata la più coerente per spiegare questi fatti insoliti e preoccupanti, e la troviamo presso le culture più sperdute e lontane tra loro, senza che sia possibile spiegarla come effetto di migrazioni o trasmissione di credenze attraverso rapporti commerciali, culturali o di guerra. Molto spesso questo mostro è ridotto ad una semplice testa staccata dal corpo, per spiegare come mai l'astro inghiottito finisca immancabilmente per rispuntare fuori: si ipotizza cioè che quest'ultimo, ingurgitato dalle fauci voraci del mostro, riesca fuori dal suo collo, staccato dal tronco. In altri casi invece si crede che la liberazione dell'astro non sia automatica, e che sia necessario impaurire il mostro per costringerlo a risputare la sua preda; presso questi popoli, durante le eclissi, si usa quindi fare molto rumore, urlare, battere tamburi e tirare sassi in cielo per scacciare il mostro. Vediamo qualche esempio, rimandando per i casi più significativi alle singole voci indicate in fondo a quest'articolo.
È frequente l'idea che anche il corso quotidiano degli astri sia attentato da mostri o esseri cosmici. In Thailandia si crede che nel fondo di uno stagno, in cui risiede il dio Han, ci sia una rana incatenata, che brama di ingoiare la luna. Quando il dio dorme, essa riesce a liberarsi ed inizia ad inghiottire l'astro, causando le fasi lunari; ma il dio si sveglia e la incatena di nuovo, liberando la luna. Nell'antico Egitto la dea Nut, in forma di vacca, ogni sera inghiottiva il figlio Ra, il sole, facendolo riemergere al mattino. Tra i Pueblo del New Mexico si crede che il tramonto del sole sia causato da due grandi mostri con lunghi denti, che attendono accovacciati l'astro all'orizzonte. Per gli Jacuti le fasi lunari sono causate dai morsi di lupi ed orsi che la addentano. Tuttavia, più che il corso normale degli astri, sono proprio le eclissi a generare spiegazioni di questo tipo. La figura del mostro divoratore varia sensibilmente: tra i Tupi e i Toba-Pilaga del Gran Chaco, il colpevole delle eclissi è un giaguaro; in Indonesia è un serpente; in Scandinavia era un lupo di nome Skoll ad inseguire continuamente il sole, causando le eclissi quando riusciva a raggiungerlo. In Cina l'eclissi è causata da un rospo, che in alcuni testi sarebbe quello che abita la luna; la dimostrazione che l'eclissi è causata da un mostro ce la da anche la coincidenza della parola che significa "eclissi", che è la medesima che significa anche "mangiare". In Ungheria è un uccello che insegue la luna per mangiarla; il suo nome Markolab deriva certamente da varco-lacs, lupo, e non a caso in Romania sono proprio dei lupi che abitano sulla luna, e la divorano durante le eclissi. In Turchia ed in Ungheria invece le eclissi sono attribuite ad una strega. Unico è invece il caso di certe popolazioni arabe che attribuiscono le eclissi all'ingresso degli astri in una sorta di guaina, da cui si liberano poco a poco.

[modifica] Elenco dei Mostri delle Eclissi