Parvati

SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA’
Nome orig.: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Femmina
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Indo-Iranica
Continente: Asia
Area: Asia Meridionale
Paese: India
Origine: Hindu
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Divinità
Sottotipologia: Divinità Superne
Specificità: -
Subspecifica: -
CARATTERI
Aspetto: Antropomorfo
Indole: Benevola
Elemento: Terra
Habitat: Cielo
ATTRIBUTI
Fisici
- - - -
- -
Animali
- - - -
Vegetali
- - - -
Minerali
- - - -
Alimenti
- - - -
Colori
- - - -
Numeri
- - - -
Armi
- - - -
- - - -
Abbigliamento
- - - -
- - - -
Altri
- - - -
- - - -
TEMATICHE
- - - -
- - - -

Seconda moglie di Shiva (la prima fu Sati); detta la Montanina in quanto figlia dell'Himalaya. Personifica la potenza dell'energia femminile del dio suo sposo. Dimora nel leggendario Kailasa, paradiso di Shiva, localizzato oggi vicino al sacro lago Monsoravar al confine col Tibet. Con Parvati e Shiva vivono i tre figli Ganesha, Kartikeya e Kubera, oltre ai Gandharva e alle Apsaras che allietano la compagnia con melodiosi canti celesti.

CULTO[modifica]

La dea non ha templi importanti, ma le sue statue e i suoi altari, generalmente sistemati nei templi di Shiva, sono oggetto di grande culto da parte di moltissimi indiani.

EPITETI[modifica]

Come altre divinità indiane, Parvati ha molteplici compiti e diversi aspetti o forme; a ogni forma, sia essa malefica o benefica, corrisponde un nome diverso; alla forma benefica corrispondono i nomi Uma, Fagan-Mata (Madre del Mondo) e Annapurna. Nella forma malefica e terribile Parvati assume il nome Durga sinonimo di Kali, la più concreta rappresentazione delle Shakti nere; a queste forme si danno anche i nomi Canda, Karali e Bhairavi (v. Devi).