Differenze tra le versioni di "Leucaspi"

m (Sostituzione testo - '|specificità=Fanti' con '|specificità=Fanti |sub=-')
 
(7 versioni intermedie di 2 utenti non mostrate)
Riga 1: Riga 1:
0605 http://manualss7iy.pp.ua/bnwrwn1.html http://manualss7iy.pp.ua/xpem2.html http://documentsoex.pp.ua/tsq1.html http://documentsoex.pp.ua/kvxtcu2.html http://instructions9rxg.pp.ua/iiejn2.html http://instructions9rxg.pp.ua/lddpim4.html http://instruktsiya721.pp.ua/olkkpx2.html http://instruktsiya721.pp.ua/vrol1.html http://rukovodstnnr.pp.ua/mwcfk2.html http://rukovodstnnr.pp.ua/xuykyh3.html http://rukovodstnnr.pp.ua/juqpxs2.html http://rukovodstnnr.pp.ua/wil3.html http://instruktsiya5nd.pp.ua/mvcgo2.html http://instruktsiya5nd.pp.ua/ytjmtg3.html http://rukovodstvqk.pp.ua/tqu2.html http://rukovodstvqk.pp.ua/kjanan3.html
+
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Maschio
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Grecia
 +
|origine=Greci
 +
|tipologia=Umani
 +
|sottotipologia=Guerrieri
 +
|specificità=Fanti
 +
|sub=-
 +
|indole=Benevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=-
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=-
 +
}}
 +
 
 +
 
 +
Giovane licio che seguì il re [[Sarpedonte]] nella [[guerra di Troia]] in difesa della città assediata: quando questi morì passò sotto il comando di [[Oronte]].
 +
 
 +
== La morte ==
 +
Caduta [[Troia]], tutti i Lici superstiti, ad eccezione di [[Scilaceo]], si unirono ad [[Enea]] esule nel [[Mediterraneo]]. Durante la navigazione una tempesta si abbatté sulla flotta: la nave dei Lici affondò, e solo pochi di essi poterono essere tratti in salvo. Quando [[Enea]] discese vivo nel mondo sotterraneo sotto la guida della [[Sibilla (1)|Sibilla]], vide gli spiriti di Leucaspi e [[Oronte]] al di fuori dell'[[Ade]], costretti a rimanerne esclusi a causa della mancata sepoltura.
 +
 
 +
 
 +
<poem>''Scorge lì mesti e privi dell'onore della morte''
 +
''Leucaspi e il condottiero della flotta licia Oronte,''
 +
''che, mentre navigavano da Troia nel mare ventoso,''
 +
''l'Austro inabissò insieme, travolgendo in acqua la nave e gli uomini'' </poem>
 +
(Virgilio, Eneide, VI)
 +
 
 +
== Interpretazioni ==
 +
Contrariamente a [[Oronte]], nell' ''[[Eneide]]'' il nome di Leucaspi non viene fatto nel passo che descrive la sciagura: non si può però escludere che sia proprio lui il nocchiero della nave dei Lici, di cui Virgilio narra la raccapricciante morte.
 +
 
 +
 
 +
<poem> ''Il Noto afferra e travolge tre navi su scogli''
 +
''nascosti - rocce tra i flutti, che gli Italici chiamano Are,''
 +
''immane dorso a fior d'acqua -; tre l'Euro sospinge''
 +
''dal largo nelle secche delle dune, miserevole vista,''
 +
''e caccia nei bassifondi e cinge d'un argine di sabbia.''
 +
''Una, che trasportava i Lici e il fido Oronte,''
 +
''davanti ai suoi occhi un enorme maroso colpisce''
 +
''piombando a poppa: il nocchiero è sbalzato e precipita''
 +
''a capofitto'' </poem>
 +
(Virgilio, Eneide, I)
 +
 
 +
{{Bibliografia}}
 +
 
 +
[[Categoria:Mitologia Classica]]
 +
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 +
[[Categoria:Mitologia Romana]]
 +
[[Categoria:Europa]]
 +
[[Categoria:Mediterraneo]]
 +
[[Categoria:Italia]]
 +
[[Categoria:Grecia]]
 +
[[Categoria:Umani]]
 +
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
 +
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
 +
[[Categoria:Indole: Benevola]]
 +
[[Categoria:Guerrieri]]
 +
[[Categoria:Fanti]]

Versione attuale delle 14:38, 22 mar 2020

SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: Guerrieri
Specificità: Fanti
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: -


Giovane licio che seguì il re Sarpedonte nella guerra di Troia in difesa della città assediata: quando questi morì passò sotto il comando di Oronte.

La morte[modifica]

Caduta Troia, tutti i Lici superstiti, ad eccezione di Scilaceo, si unirono ad Enea esule nel Mediterraneo. Durante la navigazione una tempesta si abbatté sulla flotta: la nave dei Lici affondò, e solo pochi di essi poterono essere tratti in salvo. Quando Enea discese vivo nel mondo sotterraneo sotto la guida della Sibilla, vide gli spiriti di Leucaspi e Oronte al di fuori dell'Ade, costretti a rimanerne esclusi a causa della mancata sepoltura.


Scorge lì mesti e privi dell'onore della morte
Leucaspi e il condottiero della flotta licia Oronte,
che, mentre navigavano da Troia nel mare ventoso,
l'Austro inabissò insieme, travolgendo in acqua la nave e gli uomini

(Virgilio, Eneide, VI)

Interpretazioni[modifica]

Contrariamente a Oronte, nell' Eneide il nome di Leucaspi non viene fatto nel passo che descrive la sciagura: non si può però escludere che sia proprio lui il nocchiero della nave dei Lici, di cui Virgilio narra la raccapricciante morte.


 Il Noto afferra e travolge tre navi su scogli
nascosti - rocce tra i flutti, che gli Italici chiamano Are,
immane dorso a fior d'acqua -; tre l'Euro sospinge
dal largo nelle secche delle dune, miserevole vista,
e caccia nei bassifondi e cinge d'un argine di sabbia.
Una, che trasportava i Lici e il fido Oronte,
davanti ai suoi occhi un enorme maroso colpisce
piombando a poppa: il nocchiero è sbalzato e precipita
a capofitto

(Virgilio, Eneide, I)

BIBLIOGRAFIA[modifica]

Fonti antiche[modifica]

Per visualizzare le fonti antiche su Leucaspi vai a FontiAntiche:Leucaspi

Fonti moderne[modifica]

Per visualizzare le fonti moderne su Leucaspi vai a FontiModerne:Leucaspi