Gwydion



				

				

Uno dei nipoti di Math ap Mathonwy e fratello di Arianrhod. Egli progettò lo stupro che Gilfaetwy perpetrò sulla fanciulla Goewin, che tratteneva il piede di Math. Fece iniziare una guerra contro Prydiri of Dyfed, rubandogli i suoi maiali e poi condusse Math in campagna. Ma lui e Gilfaetwy fecero dietrofront e Gwydion costrinse le altre donne a lasciare Goewin da sola con Gilfaetwy, che la stuprò. Quando lei lo confessò a Math, questi impose come punizione ai suoi nipoti che vivessero tre anni sotto le sembianze di animali: Gwydion come un cervo, un maiale e un lupo, rinascendo ogni anno insieme a suo fratello trasformato in cerva, scrofa e lupa. Generarono tre discendenze che Math trasformò in creature umane e allevò alla sua corte. In seguito, entrambi vennero reintegrati alla corte di Math. Gwydion crebbe il fanciullo figlio di Arianrhod, Llew Llaw Gyffes, ottenendo per lui un nome e le armi per ingannare sua madre e creò dai fiori una donna da fargli sposare. Dopo che la donna, di nome Blodeuwedd, tradì Llew alla sua morte, Gwydion lo riportò in vita e trasfrormò l'adultera in civetta.