Cabiri

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Versione corrente (14:30, 7 ago 2019) (modifica) (annulla)
 
Riga 3: Riga 3:
==Mitologia Greca==
==Mitologia Greca==
Erano considerati i protettori dei marinai che li invocavano chiamandoli Megaloi theoi, mentre i romani li chiamavano Dii magni potentes valentes, sull'isola di [[Lemno]], erano chiamati Haphaistoi.
Erano considerati i protettori dei marinai che li invocavano chiamandoli Megaloi theoi, mentre i romani li chiamavano Dii magni potentes valentes, sull'isola di [[Lemno]], erano chiamati Haphaistoi.
-
Spesso raffigurati nella pittura vascolare sotto la forma caricaturale di nani obesi e talora itifaliici, con caratteri negroidi che danno loro un aspetto somigliante a quello di certe immagini del dio [[Bes]]. Facevano parte del corteo della dea [[Rea]], di cui fungevano da servitori, e perciò sono a volte confusi con i [[Cureti]] ed i [[Coribanti]]. Il culto dei Cabiri appartiene originariamente alla [[Frigia]], ma poi si espande anche in [[Samotracia]]. Come i [[Dattili]] sembrano essere legati alla metallurgia. Il loro nome significa "brucianti" e la loro origine ignea viene confermata dalla attribuzione della loro paternità ad [[Efesto]], tramandata da Erodoto, Eschilo e Nonnos di Panopoli. Per lo pseudo-Orfeo invece essi sarebbero figli di [[Zeus]]. A seconda delle fonti il loro numero, ed i nomi, variano. Acusilao parla di tre Cabiri maschi e tre femmine; Nonnos di Panopoli di due ([[Alcon]] ed [[Eurimedon]]); Mnaséas di Potara di quattro ([[Axieros]], [[Axiokersa]], [[Axiokersos]] e [[Cadmilos]]); altri autori ancora di sette. Per di più a volte li si identifica anche con delle divinità maggiori ([[Demetra]], [[Persefone]], [[Ade]], [[Ermes]], e così via). Queste incertezze, e la mancanza di miti specifici devono essere attribuite al fatto che i Cabiri svolgevano un ruolo importante nella religione dei Misteri, e che quindi tutto quanto li riguardava era doverosamente coperto dal silenzio.
+
Spesso raffigurati nella pittura vascolare sotto la forma caricaturale di nani obesi e talora itifaliici, con caratteri negroidi che danno loro un aspetto somigliante a quello di certe immagini del dio [[Bes]]. Facevano parte del corteo della dea [[Rea (1)|Rea]], di cui fungevano da servitori, e perciò sono a volte confusi con i [[Cureti]] ed i [[Coribanti]]. Il culto dei Cabiri appartiene originariamente alla [[Frigia]], ma poi si espande anche in [[Samotracia]]. Come i [[Dattili]] sembrano essere legati alla metallurgia. Il loro nome significa "brucianti" e la loro origine ignea viene confermata dalla attribuzione della loro paternità ad [[Efesto]], tramandata da Erodoto, Eschilo e Nonnos di Panopoli. Per lo pseudo-Orfeo invece essi sarebbero figli di [[Zeus]]. A seconda delle fonti il loro numero, ed i nomi, variano. Acusilao parla di tre Cabiri maschi e tre femmine; Nonnos di Panopoli di due ([[Alcon]] ed [[Eurimedon]]); Mnaséas di Potara di quattro ([[Axieros]], [[Axiokersa]], [[Axiokersos]] e [[Cadmilos]]); altri autori ancora di sette. Per di più a volte li si identifica anche con delle divinità maggiori ([[Demetra]], [[Persefone]], [[Ade]], [[Ermes]], e così via). Queste incertezze, e la mancanza di miti specifici devono essere attribuite al fatto che i Cabiri svolgevano un ruolo importante nella religione dei Misteri, e che quindi tutto quanto li riguardava era doverosamente coperto dal silenzio.
{{Bibliografia}}
{{Bibliografia}}

Versione corrente

I Potenti; otto divinità fenicie capeggiate da Eshmun, l'Asclepio fenicio. Erano venerati dai marinai e venivano rappresentati come grotteschi nanerottoli dalla testa enorme. Dalla Fenicia il loro culto passo sulle coste della Troade, in alcune isole della Tracia, in Beozia e in Macedonia.

Indice

[modifica] Mitologia Greca

Erano considerati i protettori dei marinai che li invocavano chiamandoli Megaloi theoi, mentre i romani li chiamavano Dii magni potentes valentes, sull'isola di Lemno, erano chiamati Haphaistoi. Spesso raffigurati nella pittura vascolare sotto la forma caricaturale di nani obesi e talora itifaliici, con caratteri negroidi che danno loro un aspetto somigliante a quello di certe immagini del dio Bes. Facevano parte del corteo della dea Rea, di cui fungevano da servitori, e perciò sono a volte confusi con i Cureti ed i Coribanti. Il culto dei Cabiri appartiene originariamente alla Frigia, ma poi si espande anche in Samotracia. Come i Dattili sembrano essere legati alla metallurgia. Il loro nome significa "brucianti" e la loro origine ignea viene confermata dalla attribuzione della loro paternità ad Efesto, tramandata da Erodoto, Eschilo e Nonnos di Panopoli. Per lo pseudo-Orfeo invece essi sarebbero figli di Zeus. A seconda delle fonti il loro numero, ed i nomi, variano. Acusilao parla di tre Cabiri maschi e tre femmine; Nonnos di Panopoli di due (Alcon ed Eurimedon); Mnaséas di Potara di quattro (Axieros, Axiokersa, Axiokersos e Cadmilos); altri autori ancora di sette. Per di più a volte li si identifica anche con delle divinità maggiori (Demetra, Persefone, Ade, Ermes, e così via). Queste incertezze, e la mancanza di miti specifici devono essere attribuite al fatto che i Cabiri svolgevano un ruolo importante nella religione dei Misteri, e che quindi tutto quanto li riguardava era doverosamente coperto dal silenzio.

[modifica] Bibliografia

[modifica] Fonti antiche

Per visualizzare le fonti antiche su Cabiri vai a FontiAntiche:Cabiri

[modifica] Fonti moderne

Per visualizzare le fonti moderne su Cabiri vai a FontiModerne:Cabiri