Differenze tra le versioni di "Tyr"

m (Sostituzione testo - '|specificità=Divinità della Guerra' con '|specificità=Divinità della Guerra |sub=-')
 
(5 versioni intermedie di uno stesso utente non sono mostrate)
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Maschio
 +
|sezione=Mitologia Germanica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Nordeuropa
 +
|paese=Scandinavia
 +
|origine=Norreni
 +
|tipologia=Divinità
 +
|sottotipologia=Divinità delle Attività
 +
|specificità=Divinità della Guerra
 +
|sub=-
 +
|indole=Benevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=Fuoco
 +
|habitat=Cielo
 +
|ambiti=[[Elenchi:Guerra|Guerra]], [[Elenchi:Sapienza|Sapienza]]
 +
}}
 +
 
In origine dio uranico, diviene posteriormente una divinità della guerra e del diritto; è chiamato il "dio monco" perchè la sua mano fu divorata dal lupo [[Fenrir]] quando gli [[Asi]] lo incatenarono.
 
In origine dio uranico, diviene posteriormente una divinità della guerra e del diritto; è chiamato il "dio monco" perchè la sua mano fu divorata dal lupo [[Fenrir]] quando gli [[Asi]] lo incatenarono.
 
Figlio di [[Odino]] e di [[Frigg]] era dio della sapienza, della forza e della guerra, veniva identificato con [[Marte]]. Fu adorato dai Tencteri, dai Semnoni e dai Goti che pare gli sacrificassero i prigionieri, appendendo inoltre le armi prese al nemico ai rami del bosco a lui sacro. Nel VI secolo, presso gli Scandinavi, era ritenuto ancora il maggiore degli dei; poi, pian piano, perse la sua preminenza, così come l'aveva persa in Germania. Con il suo nome è stato formato il vocabolo martedì in tutte le lingue germaniche.
 
Figlio di [[Odino]] e di [[Frigg]] era dio della sapienza, della forza e della guerra, veniva identificato con [[Marte]]. Fu adorato dai Tencteri, dai Semnoni e dai Goti che pare gli sacrificassero i prigionieri, appendendo inoltre le armi prese al nemico ai rami del bosco a lui sacro. Nel VI secolo, presso gli Scandinavi, era ritenuto ancora il maggiore degli dei; poi, pian piano, perse la sua preminenza, così come l'aveva persa in Germania. Con il suo nome è stato formato il vocabolo martedì in tutte le lingue germaniche.
  
 +
[[Categoria:Mitologia Germanica]]
 
[[Categoria:Mitologia Norrena]]
 
[[Categoria:Mitologia Norrena]]
[[Categoria:Divinità della Guerra]]
+
[[Categoria:Europa]]
[[Categoria:Classificazione: Divinità]]
+
[[Categoria:Nordeuropa]]
 +
[[Categoria:Norvegia]]
 +
[[Categoria:Svezia]]
 +
[[Categoria:Danimarca]]
 +
[[Categoria:Islanda]]
 +
[[Categoria:Divinità]]
 +
[[Categoria:Guerra]]
 +
[[Categoria:Divinità]]
 
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
 
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
 
[[Categoria:Indole: Benevola]]
 
[[Categoria:Indole: Benevola]]
 
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
 
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
[[Categoria:Elemento: Non specificato]]
+
[[Categoria:Elemento: Terra]]
[[Categoria:Habitat: Non specificato]]
+
[[Categoria:Habitat: Cielo]]
 +
[[Categoria:Sapienza]]

Versione attuale delle 13:22, 22 mar 2020

SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Germanica
Continente: Europa
Area: Nordeuropa
Paese: Scandinavia
Popolo/Regione: Norreni
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Divinità
Sottotipologia: Divinità delle Attività
Specificità: Divinità della Guerra
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: Fuoco
Habitat: Cielo
Tematiche: Guerra, Sapienza

In origine dio uranico, diviene posteriormente una divinità della guerra e del diritto; è chiamato il "dio monco" perchè la sua mano fu divorata dal lupo Fenrir quando gli Asi lo incatenarono. Figlio di Odino e di Frigg era dio della sapienza, della forza e della guerra, veniva identificato con Marte. Fu adorato dai Tencteri, dai Semnoni e dai Goti che pare gli sacrificassero i prigionieri, appendendo inoltre le armi prese al nemico ai rami del bosco a lui sacro. Nel VI secolo, presso gli Scandinavi, era ritenuto ancora il maggiore degli dei; poi, pian piano, perse la sua preminenza, così come l'aveva persa in Germania. Con il suo nome è stato formato il vocabolo martedì in tutte le lingue germaniche.