Nyx

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
(Nuova pagina: La Notte è una delle prime divinità (anche se in una fase così arcaica sarebbe più giusto parlare di personificazioni) della cosmologia greca. Figlia del Caos primordiale, da cui t...)
Riga 1: Riga 1:
-
La Notte è una delle prime divinità (anche se in una fase così arcaica sarebbe più giusto parlare di personificazioni) della cosmologia greca. Figlia del Caos primordiale, da cui tutto è derivato, secondo la Teogonia esiodea.  
+
La Notte è una delle prime divinità (anche se in una fase così arcaica sarebbe più giusto parlare di personificazioni) della cosmologia greca. Figlia del [[Caos]] primordiale, da cui tutto è derivato, secondo la [[Teogonia]] esiodea.  
==Progenie==
==Progenie==
-
Essa, senza essere fecondata da nessuno, generò Ker, Moros, Thanatos, Ipnos, Atropo, Lachesi, le Moire, le Esperidi, Nemesi ed Eros. Gli orfici la assunsero come dea Madre, Signora dell'Universo prima di essere detronizzata da Crono.  
+
Essa, senza essere fecondata da nessuno, generò [[Keres]], [[Moros]], [[Thanatos]], [[Ipnos]], [[Atropo]], [[Lachesi]], le [[Moire]], le [[Esperidi]], [[Nemesi]] ed [[Eros]]. Gli orfici la assunsero come dea Madre, Signora dell'Universo prima di essere detronizzata da [[Crono]].  
==Dimora==
==Dimora==
-
La sua dimora è collocata nell'estremo occidente, al di là delle Colonne d'Ercole, là dove i Greci ritenevano che il mondo avesse termine e ci fosse solo l'Oscurità (la Notte per l'appunto).
+
La sua dimora è collocata nell'estremo occidente, al di là delle [[Colonne d'Eracle]], là dove i Greci ritenevano che il mondo avesse termine e ci fosse solo l'Oscurità (la Notte per l'appunto).
==Galleria==
==Galleria==

Versione del 18:35, 4 gen 2009

La Notte è una delle prime divinità (anche se in una fase così arcaica sarebbe più giusto parlare di personificazioni) della cosmologia greca. Figlia del Caos primordiale, da cui tutto è derivato, secondo la Teogonia esiodea.

Indice

Progenie

Essa, senza essere fecondata da nessuno, generò Keres, Moros, Thanatos, Ipnos, Atropo, Lachesi, le Moire, le Esperidi, Nemesi ed Eros. Gli orfici la assunsero come dea Madre, Signora dell'Universo prima di essere detronizzata da Crono.

Dimora

La sua dimora è collocata nell'estremo occidente, al di là delle Colonne d'Eracle, là dove i Greci ritenevano che il mondo avesse termine e ci fosse solo l'Oscurità (la Notte per l'appunto).

Galleria

Fonti

  • Esiodo, Teogonia

Bibliografia

  • A. Ferrari, Dizionario di mitologia greca e latina, Utet, Torino 1999