Ecate



				

				

Divinità femminile, di origine probabilmente asiatica. E' divinità lunare, divenuta nel VI sec. a.C., al tempo dei misteri orfici, una delle principali divinità greche. Considerata figlia di Perse e Asteria, o secondo altri di Zeus e Demetra, o del Tartaro e di Demetra. Apparteneva ai Titani.

[modifica] Etimologia

Il nome, che vuol dire "che opera da lontano", è greco.

[modifica] Iconografia

Era effigiata con tre teste e talvolta anche con tre corpi, identificandosi con Artemide, con Persefone e con Demetra. Come dea sotterranea regna sulle ombre e sui demoni malvagi, evoca gli spiriti e spaventa gli uomini; vaga nella notte per i trivi (onde il suo nome di trivia) annunciata dai latrati spaventosi dei cani che la sentono arrivare. I suoi attributi sono serpenti, fiaccole, pugnali.

[modifica] Culto

Il suo culto faceva parte dei culti orfici. A Sparta ebbe sacrifici umani.