Anahita



				

				
SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: Immacolata
Sesso: Femmina
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Iranica
Continente: Asia
Area: Medio Oriente
Paese: Iran
Popolo/Regione: Persiani
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Divinità
Sottotipologia: Divinità delle Attività
Specificità: Divinità della Guerra
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: Colomba, Pavone
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: Acqua
Habitat: Cielo
Tematiche: Guerra, Donne

L’antica dea persiana dell’acqua, dea della fertilità e protettrice delle donne, nonché dea della guerra.
Anahita era molto popolare ed è una delle forme della “Grande Dea” presente in molte delle antiche religioni orientali (come per esempio la dea siriano-fenicia Anath). È collegata ai fiumi e ai laghi e alle acque della nascita. Talvolta Anahita è considerata la sposa di Mithra. Quando la Persia conquistò Babilonia (VI secolo a.C.), Anahita cominciò a presentare alcune somiglianze con la dea Ishtar. Da allora il suo culto incluse anche la pratica della prostituzione rituale nei templi. Durante il regno del re Artaserse (436-358 a.C.) furono eretti molti templi in suo onore a Soesa, Ecbatana e in Babilonia. I Lidi la identificarono con la “Grande Madre”; i Greci (a seconda che la considerassero rispettivamente dea della fertilità o della guerra) con Afrodite o Artemide.

[modifica] Etimologia

Il suo nome significa “l’immacolata”.

[modifica] Iconografia

Viene raffigurata come una vergine, vestita di un mantello d’oro e con una tiara di diamanti (a volte con in mano una brocca d’acqua).

[modifica] Attributi

Suoi animali sacri sono la colomba e il pavone.