Yu-huang



				

				

Nome cinese dell'Imperatore di Giada, la figura più venerata dai taoisti. Succedette in qualità di sovrano dell'universo a Yuan-shih t'ien-tsun ("Venerabile celeste del primo inizio"). Yu-huang presiede all'amministrazione celeste, strutturata analogamente a quella dell'impero cinese. Il giorno di capodanno tiene a rapporto tutte le divinità, nel suo palazzo celeste, situato nel più alto dei cieli taoisti. Ogni divinità è designata ad occuparsi di un fenomeno naturale o di una branca della scienza, o di guerra, malattie, rituali fino ad esaurire il campo di tutte le attività naturali e umane. Se una divinità non è ritenuta all'altezza del compito affidatole, viene rimossa dall'incarico e retrocessa a un rango inferiore. Questo compito veniva espletato durante apposite cerimonie religiose, dall'apparato sacerdotale, che si faceva interprete della volontà di Yu-Huang.