Upir



				

				

Vampiro russo (si chiama Upier nella variante polacca) che si differenzia dagli altri suoi colleghi per la strana caratteristica per cui egli non morde con i denti ma con la lingua appuntita.
Si diventa Upir in seguito ad una morte violenta (suicidio, omicidio, incidente) o mediante pratiche magiche eseguite durante la vita. Una delle caratteristiche dell'Upir è la capacità di sottrarre umidità alle nuvole, causando siccità. L'acqua è sua nemica, poiché è in grado di provocare la dissoluzione del suo corpo.
La prima apparizione della parola Upir si trova in un documento ufficiale del 1047. Si riferiva ad un principe Russo detto “Upir Lichy” (Vampiro cattivo).

[modifica] Etimologia

Il nome significa "coperto di piume", e farebbe pensare ad un aspetto parzialmente ornitomorfo.