Pelope

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
m (Sostituzione testo - 'Categoria:Sovrani' con 'Categoria:Nobili Categoria:Sovrani')
Versione corrente (17:58, 14 nov 2019) (modifica) (annulla)
 
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Maschio
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Grecia
 +
|origine=Greci
 +
|tipologia=Umani
 +
|sottotipologia=Nobili
 +
|specificità=Sovrani
 +
|indole=Malevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=-
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=[[Elenchi:Maledizione|Maledizione]], [[Elenchi:Omicidio|Omicidio]]
 +
}}
 +
Figlio di [[Tantalo (1)|Tantalo]] e di [[Dione]]. Suo padre lo uccise, lo fece a pezzi e lo cucinò per imbandirlo agli dèi. Ma questi se ne accorsero e non lo toccarono, eccetto [[Demetra]] che senza badarvi ne mangiò una spalla. Gli dèi, per mezzo di [[Ermes]], lo resuscitarono, e al posto della spalla mancante, gliene impiantarono una d'avorio.  
Figlio di [[Tantalo (1)|Tantalo]] e di [[Dione]]. Suo padre lo uccise, lo fece a pezzi e lo cucinò per imbandirlo agli dèi. Ma questi se ne accorsero e non lo toccarono, eccetto [[Demetra]] che senza badarvi ne mangiò una spalla. Gli dèi, per mezzo di [[Ermes]], lo resuscitarono, e al posto della spalla mancante, gliene impiantarono una d'avorio.  
<br>Divenuto adulto, Pelope si presentò a [[Pisa]] per sposare [[Ippodamia]], e dovette perciò gareggiare col padre di lei, [[Enomao]], nella corsa con i cavalli, vincendolo con l'aiuto di [[Mirtilo]], auriga di [[Enomao]], che corruppe. Poi per non dare il compenso promesso a [[Mirtilo]], lo uccise, e questi, sul punto di morire, maledisse la sua famiglia. Pelope conquistò poi il [[Peloponneso]], che si chiamò così dal suo nome, divenendone re. Figli suoi e di [[Ippodamia]] furono [[Atreo]], [[Tieste]], [[Alcatoo]], [[Nicippe]], [[Lisidice]]. Da Pelope e da [[Assioche]] nacque [[Crisippo]], che fu ucciso da [[Atreo]] e [[Tieste]]. Allora Pelope cacciò tutti i suoi figli maschi dal paese.
<br>Divenuto adulto, Pelope si presentò a [[Pisa]] per sposare [[Ippodamia]], e dovette perciò gareggiare col padre di lei, [[Enomao]], nella corsa con i cavalli, vincendolo con l'aiuto di [[Mirtilo]], auriga di [[Enomao]], che corruppe. Poi per non dare il compenso promesso a [[Mirtilo]], lo uccise, e questi, sul punto di morire, maledisse la sua famiglia. Pelope conquistò poi il [[Peloponneso]], che si chiamò così dal suo nome, divenendone re. Figli suoi e di [[Ippodamia]] furono [[Atreo]], [[Tieste]], [[Alcatoo]], [[Nicippe]], [[Lisidice]]. Da Pelope e da [[Assioche]] nacque [[Crisippo]], che fu ucciso da [[Atreo]] e [[Tieste]]. Allora Pelope cacciò tutti i suoi figli maschi dal paese.
Riga 13: Riga 38:
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
[[Categoria:Sesso: Maschio]]
[[Categoria:Indole: Malevola]]
[[Categoria:Indole: Malevola]]
 +
[[Categoria:Omicidio]]
 +
[[Categoria:Maledizione]]

Versione corrente

SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: Nobili
Specificità: Sovrani
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Malevola
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: Maledizione, Omicidio

Figlio di Tantalo e di Dione. Suo padre lo uccise, lo fece a pezzi e lo cucinò per imbandirlo agli dèi. Ma questi se ne accorsero e non lo toccarono, eccetto Demetra che senza badarvi ne mangiò una spalla. Gli dèi, per mezzo di Ermes, lo resuscitarono, e al posto della spalla mancante, gliene impiantarono una d'avorio.
Divenuto adulto, Pelope si presentò a Pisa per sposare Ippodamia, e dovette perciò gareggiare col padre di lei, Enomao, nella corsa con i cavalli, vincendolo con l'aiuto di Mirtilo, auriga di Enomao, che corruppe. Poi per non dare il compenso promesso a Mirtilo, lo uccise, e questi, sul punto di morire, maledisse la sua famiglia. Pelope conquistò poi il Peloponneso, che si chiamò così dal suo nome, divenendone re. Figli suoi e di Ippodamia furono Atreo, Tieste, Alcatoo, Nicippe, Lisidice. Da Pelope e da Assioche nacque Crisippo, che fu ucciso da Atreo e Tieste. Allora Pelope cacciò tutti i suoi figli maschi dal paese.