Licurgo (3)

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
m (Sostituzione testo - 'Categoria:Sovrani' con 'Categoria:Nobili Categoria:Sovrani')
Versione corrente (07:13, 20 ott 2019) (modifica) (annulla)
 
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|200px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Maschio
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Grecia
 +
|origine=Greci
 +
|tipologia=Umani
 +
|sottotipologia=Nobili
 +
|specificità=Sovrani
 +
|indole=Malevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=-
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=[[Elenchi:Accecamento|Accecamento]], [[Elenchi:Ebrezza|Ebbrezza]], [[Elenchi:Pazzia|Pazzia]], [[Elenchi:Punizione Divina|Punizione Divina]]
 +
}}
 +
 +
Re di [[Nemea]], figlio di [[Fere]], fratello di [[Admeto]] e sposo di [[Euridice]]. Si stabilì nel territorio di [[Nemea]], sposò [[Euridice]] (o forse, come alcuni sostengono, [[Anfitea]]), e generò [[Ofelte (2)|Ofelte]], chiamato anche [[Archemoro]]. Sul suo destino il mito presenta alcune varianti. Secondo [[Omero]], [[Licurgo]], per la sua empietà, venne accecato dagli dèi; secondo [[Sofocle]], egli diventò folle e fu pertanto rinchiuso in una grotta, dove con il tempo ritrovò la ragione; secondo [[Igino]], invece, il re, completamente ubriaco, cercò di violentare sua madre: per questo decise di sradicare tutte le viti, ma [[Dioniso]] lo fece impazzire, e poi lo diede in pasto alle pantere sul monte [[Rodope]].  
Re di [[Nemea]], figlio di [[Fere]], fratello di [[Admeto]] e sposo di [[Euridice]]. Si stabilì nel territorio di [[Nemea]], sposò [[Euridice]] (o forse, come alcuni sostengono, [[Anfitea]]), e generò [[Ofelte (2)|Ofelte]], chiamato anche [[Archemoro]]. Sul suo destino il mito presenta alcune varianti. Secondo [[Omero]], [[Licurgo]], per la sua empietà, venne accecato dagli dèi; secondo [[Sofocle]], egli diventò folle e fu pertanto rinchiuso in una grotta, dove con il tempo ritrovò la ragione; secondo [[Igino]], invece, il re, completamente ubriaco, cercò di violentare sua madre: per questo decise di sradicare tutte le viti, ma [[Dioniso]] lo fece impazzire, e poi lo diede in pasto alle pantere sul monte [[Rodope]].  

Versione corrente

SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: Nobili
Specificità: Sovrani
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Malevola
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: Accecamento, Ebbrezza, Pazzia, Punizione Divina


Re di Nemea, figlio di Fere, fratello di Admeto e sposo di Euridice. Si stabilì nel territorio di Nemea, sposò Euridice (o forse, come alcuni sostengono, Anfitea), e generò Ofelte, chiamato anche Archemoro. Sul suo destino il mito presenta alcune varianti. Secondo Omero, Licurgo, per la sua empietà, venne accecato dagli dèi; secondo Sofocle, egli diventò folle e fu pertanto rinchiuso in una grotta, dove con il tempo ritrovò la ragione; secondo Igino, invece, il re, completamente ubriaco, cercò di violentare sua madre: per questo decise di sradicare tutte le viti, ma Dioniso lo fece impazzire, e poi lo diede in pasto alle pantere sul monte Rodope.

[modifica] Bibliografia