Huang-Ti



				

				

Uno dei leggendari imperatori cinesi, il cui nome significa letteralmente "Imperatore Giallo". L’arco della sua vita viene variamente collocato fra il 2697-2597 a.C. o il 2674-2575 a.C. È venerato come uno dei fondatori del taoismo religioso (tao-jiao) e dichiarato autore dello Huang-di nei-jing, il primo trattato medico nella storia della Cina. Oltre a ciò, a Huang-Ti è attribuita la creazione dell’umanità, l’invenzione della scrittura, della bussola, del tornio da vasaio e dell’allevamento dei bachi da seta. Si ritiene anche che abbia avuto una influenza determinane nello stabilire l’ordinamento sociale cinese, dando un nome a ciascuna famiglia. Secondo una tradizione, Huang-Ti nacque spontaneamente come risultato della fusione tra le energie che caratterizzavano l’inizio del mondo. Creò l’uomo collocando delle statue di terra ai quattro punti cardinali del mondo e lasciandole esposte alla brezza dell’inizio del mondo per trecento anni. Quando furono completamente pervase dall’energia di quella brezza, le statue divennero capaci di parlare e muoversi. In questo modo nacquero le diverse razze umane.