Eurito (3)

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
m (Sostituzione testo - 'Categoria:Sovrani' con 'Categoria:Nobili Categoria:Sovrani')
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|200px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Maschio
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Grecia
 +
|origine=Greci
 +
|tipologia=Umani
 +
|sottotipologia=Nobili
 +
|specificità=Sovrani
 +
|indole=Benevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=-
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=[[Elenchi:Punizione Divina]], [[Elenchi:Vendetta|Vendetta]]
 +
}}
Re di [[Ecalia]], sposò [[Antioche]], da cui ebbe quattro maschi ed una femmina, [[Iole]] (alcune fonti lo dicono padre anche di un'altra femmina, [[Driope (2)|Driope]]). Era un abile arciere, tanto che insegnò ad [[Eracle]] il tiro con l'arco e, secondo una leggenda, osò sfidare [[Apollo]], che lo trafisse con una freccia; il suo arco fu ereditato dal figlio [[Ifito]], che lo donò ad [[Ulisse]].  
Re di [[Ecalia]], sposò [[Antioche]], da cui ebbe quattro maschi ed una femmina, [[Iole]] (alcune fonti lo dicono padre anche di un'altra femmina, [[Driope (2)|Driope]]). Era un abile arciere, tanto che insegnò ad [[Eracle]] il tiro con l'arco e, secondo una leggenda, osò sfidare [[Apollo]], che lo trafisse con una freccia; il suo arco fu ereditato dal figlio [[Ifito]], che lo donò ad [[Ulisse]].  
-
La maggior parte degli autori fa morire invece Eurito per mano di [[Eracle]]. Il re indisse una gara di tiro, il cui vincitore avrebbe avuto la mano della figlia Iole. Alla vittoria di [[Eracle]] egli non mantenne la promessa, spaventato dal fatto che già una volta [[Eracle]], in un eccesso di pazzia, aveva ucciso alcuni dei suoi figli maschi. In più [[Eurito]] accusò l'eroe di avergli rubato un armento, che in realtà era stato trafugato da [[Autolico]]. Ifito propose all'eroe di andare alla ricerca dei buoi perduti, ma [[Eracle]], in un momento di collera, lo gettò dai bastioni di [[Tirinto]]. Per espiare tale delitto, [[Eracle]] diede dei doni ad [[Eurito]], che non furono accettati, sicchè [[Ermes]], per purificarlo, lo mandò come schiavo da [[Onfale]]. Quando poi tornò in Grecia, [[Eracle]] uccise [[Eurito]] e portò via [[Iole]] come schiava.
+
<br>La maggior parte degli autori fa morire invece Eurito per mano di [[Eracle]]. Il re indisse una gara di tiro, il cui vincitore avrebbe avuto la mano della figlia Iole. Alla vittoria di [[Eracle]] egli non mantenne la promessa, spaventato dal fatto che già una volta [[Eracle]], in un eccesso di pazzia, aveva ucciso alcuni dei suoi figli maschi. In più [[Eurito]] accusò l'eroe di avergli rubato un armento, che in realtà era stato trafugato da [[Autolico]]. Ifito propose all'eroe di andare alla ricerca dei buoi perduti, ma [[Eracle]], in un momento di collera, lo gettò dai bastioni di [[Tirinto]]. Per espiare tale delitto, [[Eracle]] diede dei doni ad [[Eurito]], che non furono accettati, sicchè [[Ermes]], per purificarlo, lo mandò come schiavo da [[Onfale]]. Quando poi tornò in Grecia, [[Eracle]] uccise [[Eurito]] e portò via [[Iole]] come schiava.
[[Categoria:Mitologia Classica]]
[[Categoria:Mitologia Classica]]

Versione del 12:03, 19 ott 2019

SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: Nobili
Specificità: Sovrani
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: Elenchi:Punizione Divina, Vendetta

Re di Ecalia, sposò Antioche, da cui ebbe quattro maschi ed una femmina, Iole (alcune fonti lo dicono padre anche di un'altra femmina, Driope). Era un abile arciere, tanto che insegnò ad Eracle il tiro con l'arco e, secondo una leggenda, osò sfidare Apollo, che lo trafisse con una freccia; il suo arco fu ereditato dal figlio Ifito, che lo donò ad Ulisse.
La maggior parte degli autori fa morire invece Eurito per mano di Eracle. Il re indisse una gara di tiro, il cui vincitore avrebbe avuto la mano della figlia Iole. Alla vittoria di Eracle egli non mantenne la promessa, spaventato dal fatto che già una volta Eracle, in un eccesso di pazzia, aveva ucciso alcuni dei suoi figli maschi. In più Eurito accusò l'eroe di avergli rubato un armento, che in realtà era stato trafugato da Autolico. Ifito propose all'eroe di andare alla ricerca dei buoi perduti, ma Eracle, in un momento di collera, lo gettò dai bastioni di Tirinto. Per espiare tale delitto, Eracle diede dei doni ad Eurito, che non furono accettati, sicchè Ermes, per purificarlo, lo mandò come schiavo da Onfale. Quando poi tornò in Grecia, Eracle uccise Eurito e portò via Iole come schiava.