Dakini



				

				

Esseri intermediari di genere femminile, presenti nelle tradizioni popolari come divinità sanguinarie che fanno parte del corteo di Kali. I loro gusti gastronomici sono assai ricercati: oltre che di carne umana si nutrono di sangue mestruale e di seme umano. Inoltre, quando qualcuno sta morendo, si attaccano al suo corpo e ne succhiano il respiro ed il sangue, fino ad ucciderlo. La più celebre di loro è Putanà, che cercò di uccidere Krishna neonato facendogli succhiare il proprio latte avvelenato; ma la potenza del pur giovane dio era tale che fu propro Putanà a soccombere. Le Dakini uniscono forti poteri di magia nera alla capacità di sedurre uomini e donne.

[modifica] Iconografia

A volte hanno corpo di fanciulla e testa di leone o di uccello, a volte muso di cavallo o di cane; hanno inoltre il potere di volare.