Daena



				

				

La dea che personifica la religione nella mitologia persiana. Daena viene considerata figlia di Ahura Mazda e di Armaiti. È una delle Yazatas.
È considerato lo spirito che rappresenta la personificazione delle azioni, buone o cattive, di ciascun uomo, commesse durante la sua vita. Ogni essere umano, al terzo giorno dopo la morte, si incontra con la propria Daena. Nel Datistan i menoke khrat (II) si narra dell'incontro di un giusto con la propria Daena, sotto forma di una bellissima fanciulla, e quello di un malvagio con la sua, che è invece sgraziata e mostruosa. La loro forma è l'impronta diretta della condotta tenuta in vita, ed ogni azione, buona o cattiva, contribuisce a delineare meglio le fattezze della Daena.

[modifica] Etimologia

Il suo nome significa “colei che è stata rivelata”.