Cillaro



				

				

Il più bello dei centauri; partecipò alla lotta contro i Lapiti, trovandovi la morte. Non aveva tuttavia una natura violenta; con la centauressa sua moglie Ilonome, che amò teneramente, era solito evitare le mischie scatenate dai suoi fratelli.

Indice

[modifica] Interpretazione

Nella descrizione data da Ovidio, le figure di Cillaro e Ilonome sono straordinariamente anticipatrici di tanti personaggi appartenenti alla letteratura romantica. Cillaro è inoltre nella mitologia classica l'unico esempio di uomo-animale dotato di kalokagathìa.

[modifica] Bibliografia

[modifica] Fonti Antiche

[modifica] Riferimenti artistici

  • Piero di Cosimo, La lotta tra centauri e lapiti, dipinto.