Brahmanesimo



				

				

Con il termine Brahmanesimo gli storici delle religioni e gli orientalisti intendono la religione dell'India generatasi intorno all'ultima letteratura vedica, quella inerente alle Upanishad e ai Brahmana.
Il Brahmanesimo rappresenta lo sviluppo del Vedismo e si avvia intorno all'VIII secolo a.C. terminando nei primi secoli della nostra Era con l'ingresso dell'Induismo.
Il passaggio dal Vedismo al Brahmanesimo corrisponde alla progressiva sostituzione delle figure sacerdotali coinvolte nei riti sacrificali. Se nel primo Veda, il Ṛig-Veda, l'officiante delle libagioni è l' hotṛ (corrispondente allo zaotar dell' Avesta), accompagnato da altre figure sacerdotali minori, con il passare dei secoli e con l'elaborazione dottrinale all'interno degli stessi Veda, sopraggiunge la figura dell' udgātṛ il cantore delle melodie del Samaveda, sostituito poi anch'esso come figura sacerdotale primaria dallo adhvaryu, il mormorante i mantra relativi allo Yajurveda e, infine con il Brahmanesimo, dal brahmano, l'ultimo dei sacerdoti che sovrintendeva alla correttezza del rito, riparando a qualsiasi errore, e detentore dell'ultimo Veda, l' Atharvaveda.