Differenze tra le versioni di "Atamante"

Riga 1: Riga 1:
Re di [[Tebe]], separatosi dalla moglie [[Nefele]], dalla quale aveva avuto due figli, [[Frisso]] ed [[Elle]], sposò [[Ino]] che con amare calunnie cercò in tutti i modi di indurre Atamante a sacrificare i figli avuti da [[Nefele]]. Avuto sentore di quanto si tramava ai loro danni, [[Frisso]] e [[Elle]] partirono verso la [[Colchide]], cavalcando il mitico montone dal [[Vello d'oro]], ma lungo il viaggio [[Elle]] cadde ed annegò nel tratto di mare che prese il nome di [[Ellesponto]] in onore della ragazza. Intanto [[Era]], indignata per quanto accaduto, mise Atamante a conoscenza delle trame ordite dalla moglie per renderlo patricida. Egli, in un attimo di ira, spiaccicò il loro primogenito [[Learco]] contro un muro e rincorse selvaggiamente la moglie e l'altro figlio [[Melicerte]], sino alla riva del mare dove precipitarono ed annegarono entrambi. [[Afrodite]], impietositasi, pregò [[Poseidone]] di collocare i due tra gli dèi marini, dando a [[Ino]] il nome di [[Leucotoe]] (in Grecia) o [[Matuta]] (a Roma) ed al figlio [[Palemone]] (Grecia) o [[Portunno]] (a Roma). In seguito [[Atamante]] sposò [[Temisto]], dalla quale ebbe due coppie di gemelli, ma quando scoprì che [[Ino]] non era morta ripudiò la moglie: [[Temisto]] impazzì e uccise i propri figli convinta che fossero stati generati da [[Ino]]: tornata in sé, si suicidò. Ad Atamante spettò la sorte di essere mutato in fiume.
+
Re di [[Orcomeno]], separatosi dalla moglie [[Nefele]], dalla quale aveva avuto due figli, [[Frisso]] ed [[Elle]], sposò [[Ino]] che con amare calunnie cercò in tutti i modi di indurre Atamante a sacrificare i figli avuti da [[Nefele]]. Avuto sentore di quanto si tramava ai loro danni, [[Frisso]] e [[Elle]] partirono verso la [[Colchide]], cavalcando il mitico montone dal [[Vello d'oro]], ma lungo il viaggio [[Elle]] cadde ed annegò nel tratto di mare che prese il nome di [[Ellesponto]] in onore della ragazza. Intanto [[Era]], indignata per quanto accaduto, mise Atamante a conoscenza delle trame ordite dalla moglie per renderlo patricida. Egli, in un attimo di ira, spiaccicò il loro primogenito [[Learco]] contro un muro e rincorse selvaggiamente la moglie e l'altro figlio [[Melicerte]], sino alla riva del mare dove precipitarono ed annegarono entrambi. [[Afrodite]], impietositasi, pregò [[Poseidone]] di collocare i due tra gli dèi marini, dando a [[Ino]] il nome di [[Leucotoe]] (in Grecia) o [[Matuta]] (a Roma) ed al figlio [[Palemone]] (Grecia) o [[Portunno]] (a Roma). In seguito Atamante sposò [[Temisto]], dalla quale ebbe due coppie di gemelli, ma quando scoprì che [[Ino]] non era morta ripudiò la moglie: [[Temisto]] impazzì e uccise i propri figli convinta che fossero stati generati da [[Ino]]: tornata in sé, si suicidò. Ad Atamante spettò la sorte di essere mutato in fiume.
  
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Metamorfosi]]
 
[[Categoria:Metamorfosi]]
 
[[Categoria:Re]]
 
[[Categoria:Re]]

Versione delle 16:12, 28 set 2011

Re di Orcomeno, separatosi dalla moglie Nefele, dalla quale aveva avuto due figli, Frisso ed Elle, sposò Ino che con amare calunnie cercò in tutti i modi di indurre Atamante a sacrificare i figli avuti da Nefele. Avuto sentore di quanto si tramava ai loro danni, Frisso e Elle partirono verso la Colchide, cavalcando il mitico montone dal Vello d'oro, ma lungo il viaggio Elle cadde ed annegò nel tratto di mare che prese il nome di Ellesponto in onore della ragazza. Intanto Era, indignata per quanto accaduto, mise Atamante a conoscenza delle trame ordite dalla moglie per renderlo patricida. Egli, in un attimo di ira, spiaccicò il loro primogenito Learco contro un muro e rincorse selvaggiamente la moglie e l'altro figlio Melicerte, sino alla riva del mare dove precipitarono ed annegarono entrambi. Afrodite, impietositasi, pregò Poseidone di collocare i due tra gli dèi marini, dando a Ino il nome di Leucotoe (in Grecia) o Matuta (a Roma) ed al figlio Palemone (Grecia) o Portunno (a Roma). In seguito Atamante sposò Temisto, dalla quale ebbe due coppie di gemelli, ma quando scoprì che Ino non era morta ripudiò la moglie: Temisto impazzì e uccise i propri figli convinta che fossero stati generati da Ino: tornata in sé, si suicidò. Ad Atamante spettò la sorte di essere mutato in fiume.