Adrasto (4)

SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: Guerrieri
Specificità: Aurighi
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: -

Giovane e nobile troiano, prese parte alla difesa della sua città assediata dagli Achei. Combatteva su un carro che guidava personalmente, senza dunque servirsi di aurighi.

La morte[modifica]

Durante la battaglia descritta nel sesto libro dell'Iliade, Adrasto venne sbalzato dal cocchio essendosi imbizzariti improvvisamente i cavalli, e rotolò su un terreno fangoso; di ciò approfittò Menelao che armato di lancia piombò su di lui. In preda al terrore Adrasto si dichiarò suo prigioniero, aggiungendo che il padre sarebbe stato disposto anche a pagare un enorme riscatto pur di salvargli la vita. Menelao stava per cedere alla sua richiesta, ma sopraggiunse Agamennone, che ricordò al fratello i gravi misfatti compiuti dai troiani ai loro danni. Finì che Menelao senza dire una parola sospinse Adrasto verso Agamennone, il quale conficcò la propria lancia nel fianco del giovane troiano.

Interpretazioni[modifica]

Questo episodio dell' Iliade è molto simile a quello successivo che vedrà protagonisti Pisandro e Ippoloco, destinati anch'essi a cadere per mano di Agamennone dopo aver invano supplicato; ma Adrasto non è in malafede, tant'è vero che Menelao prima dell'intervento di Agamennone vorrebbe lasciarlo in vita.