Tironal



				

				

Festa solenne che si celebrava in India per inaugurare i templi più grandi e rinomati, come quelli di Chalembron, Cheringam, Jagannath e altri. Durava dieci giorni, durante i quali si svolgevano riti processionali guidati dai Brahmani, che trasportavano l'idolo da venerare. Ogni giorno veniva onorato un dio diverso; vi era il giorno di Vishnu, di Shiva, di Ravana, di Hanuman, così fino al decimo giorno, detto del Tarateti (Corsa dei Carri) in quanto caratterizzato dal traino di un enorme carro su cui erano scolpite la vita e la metamorfosi degli dèi. Al seguito del carro vi erano musici, baiadere e una folla urlante e invasata. I genitori fanatici gettavano fra le ruote del Toraton i figli piccoli che tenevano in braccio per farli morire schiacciati, certi che la divinità cui il sacrificio veniva offerto ridonasse ai piccoli una nuova vita colma di bene e di felicità. Col passare del tempo lo zelo fanatico si affievolì e l'orribile superstizione andò sempre più diminuendo. Attualmente il rito del Toraton esiste ancora, ma con meno fanatismo e senza sacrifici umani.