Svarog

(Reindirizzamento da Swieticz)



				

				
SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: Сваро́гъ
Altri nomi: Swarog, Jarog, Rarog, Tvarog, Svarogu, Shafarjk, Swetich, Swieticz, Zwaigzdze
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Slava
Continente: Europa
Area: Europa dell'Est
Paese: Russia
Popolo/Regione: Slavi orientali
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Divinità
Sottotipologia: Divinità Superne
Specificità: Divinità del Sole
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: Bue, Cavallo, Cinghiale, Falco
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: Fuoco
Habitat: Cielo
Tematiche: Sole, Cielo, Fuoco

Svarog è il dio del sole, del cielo, del fuoco e della metallurgia nella mitologia slava.

[modifica] Etimologia

Il suo nome deriva dal verbo svariti (forgiare, plasmare, fondere) di origine indoeuropea. A questo riguardo si vedano il sanscrito "svarga" (cielo) e l'iranico "xwar" (sole).

[modifica] Leggende

Secondo alcune teorie Svarog era un fabbro sacro, padre degli altri dei e creatore del sole. Nella tradizione popolare è rappresentato come un drago alato o un serpente di fuoco che svolge una funzione essenziale nella cosmogonia slava. A lui si deve infatti l'introduzione dell'ordine nell'universo e la sua suddivisione in tre regni (Jav, Nav e Prav). Secondo le leggende Svarog lottò contro Zmaj, un sanguinoso serpente gigantesco o un drago a più teste, simbolo del disordine. Dopo averlo soggiogato, Svarog lo usò come aratro per separare il mondo dei vivi (Jav) da quello dei morti (Nav), stabilendo così la legge (Prav). Da quel momento Zmaj regnò nella sfera dei morti, mentre Svarog si stabilì in quella celeste.

Per alcuni Svarog non è il padre di tutti gli dei, ma solo di:

  • Svarozyc, spirito del fuoco della casa, il cui culto era diffuso soprattutto dagli slavi del Baltico
  • Dazbog, dio del sole, della ricchezza, dell'abbondanza
  • Radigost, protettore delle città e dell'economia, venerato soprattutto tra i Polabi

[modifica] Culto

Nel Cristianesimo Svarog è associato ai Santi Cosma e Damiano e a San Michele Arcangelo. In alcune forme di neopaganesimo è il dio supremo e fulcro della santa trinità (Triglav). I suoi animali sacri erano il bue, il cavallo, il cinghiale e il falco. Secondo Jakobson, Svarog è uno dei nomi tabù del falco sacro dagli occhi di fuoco.