Silvano

Versione del 28 lug 2010 alle 20:53 di Ilcrepuscolo (discussione | contributi) (Nuova pagina: Da prima epiteto di Fauno poi divinità a sé. Dio delle selve, delle campagne, degli animali, dei confini. Il suo culto fu assai esteso nelle campagne. Divenne poi patrono di corp...)
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Da prima epiteto di Fauno poi divinità a sé. Dio delle selve, delle campagne, degli animali, dei confini. Il suo culto fu assai esteso nelle campagne. Divenne poi patrono di corporazioni e collegi di vario genere.
Presso gli Etruschi viene chiamato Selvans, ed è frequente trovare il suo nome nelle iscrizioni. In quanto divinità del bosco e delle selve ha aspetto umano, ma è vestito in maniera primitiva, con una pelle di capra, ha una barba incolta e capelli lunghi, così da rappresentare il prototipo dell'Uomo Selvaggio. Pare che l'origine di Silvano debba essere ricercata in Illiria; in epoca più recente fu introdotto anche nei culti mithriaci.
Fu identificato con Pan e con Sileno e fu considerato un dio cosmogonico.