Leto

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Riga 1: Riga 1:
''Altri nomi: Latona''
''Altri nomi: Latona''
-
<br>Figlia di [[Ceo]] e di [[Febe]], madre di [[Apollo]] e di [[Artemide]]. Amante di [[Zeus]], fu da questi messa incinta a [[Didimo]], presso [[Mileto]]. [[Era]], venuta a conoscenza del tradimento del suo sposo, fece sì che Leto potesse partorire solo in un luogo in cui non fosse mai giunta la luce del Sole. A questo punto iniziarono le peregrinazioni della dea alla ricerca di un simile posto. Esistono al riguardo due differenti versioni. Secondo alcuni Leto avrebbe partorito [[Artemide]] ed [[Apollo]] a Lycia, presso Araxa. Secondo altri invece [[Zeus]] avrebbe trasformato Leto in una lupa e, sotto queste spoglie, ella avrebbe partorito a [[Delo]], l'unica isola che aveva accettato di ospitarla. Leto promise agli abitanti di Delo che il primo santuario di [[Apollo]] sarebbe stato costruito proprio sull'isola. [[Delo]], inoltre, soddisfaceva le condizioni del parto a cui Leto era vincolata, in quanto era un'isola mobile ed invisibile. Dopo la nascita di [[Artemide]] e di [[Apollo]], poi, gli dèi fissarono [[Delo]] al fondo del mare con quattro colonne e la resero visibile. Le doglie di Leto durarono nove giorni, in quanto [[Era]] aveva trattenuto l'inganno sull'[[Olimpo]] sua figlia [[Ilizia]], la dea dei parti, la quale giunse sull'isola solo dopo che fu chiamata da [[Iride]]. Secondo la tradizione, al momento del parto, era presente anche un gallo, che divenne l'animale sacro della dea. Leto è legata anche ad un altro mito: [[Niobe]], madre di 6 figli e di 6 figlie, aveva osato paragonarsi, in qualità di madre, a Leto, che, per questo motivo la punì facendo uccidere tutti i suoi figli. Leto e la nascita dei due gemelli veniva festeggiata a [[Delo]] il 6 ed il 7 di [[Targelione]].
+
<br>Figlia di [[Ceo (1)|Ceo]] e di [[Febe]], madre di [[Apollo]] e di [[Artemide]]. Amante di [[Zeus]], fu da questi messa incinta a [[Didimo]], presso [[Mileto]]. [[Era]], venuta a conoscenza del tradimento del suo sposo, fece sì che Leto potesse partorire solo in un luogo in cui non fosse mai giunta la luce del Sole. A questo punto iniziarono le peregrinazioni della dea alla ricerca di un simile posto. Esistono al riguardo due differenti versioni. Secondo alcuni Leto avrebbe partorito [[Artemide]] ed [[Apollo]] a Lycia, presso Araxa. Secondo altri invece [[Zeus]] avrebbe trasformato Leto in una lupa e, sotto queste spoglie, ella avrebbe partorito a [[Delo]], l'unica isola che aveva accettato di ospitarla. Leto promise agli abitanti di Delo che il primo santuario di [[Apollo]] sarebbe stato costruito proprio sull'isola. [[Delo]], inoltre, soddisfaceva le condizioni del parto a cui Leto era vincolata, in quanto era un'isola mobile ed invisibile. Dopo la nascita di [[Artemide]] e di [[Apollo]], poi, gli dèi fissarono [[Delo]] al fondo del mare con quattro colonne e la resero visibile. Le doglie di Leto durarono nove giorni, in quanto [[Era]] aveva trattenuto l'inganno sull'[[Olimpo]] sua figlia [[Ilizia]], la dea dei parti, la quale giunse sull'isola solo dopo che fu chiamata da [[Iride]]. Secondo la tradizione, al momento del parto, era presente anche un gallo, che divenne l'animale sacro della dea. Leto è legata anche ad un altro mito: [[Niobe]], madre di 6 figli e di 6 figlie, aveva osato paragonarsi, in qualità di madre, a Leto, che, per questo motivo la punì facendo uccidere tutti i suoi figli. Leto e la nascita dei due gemelli veniva festeggiata a [[Delo]] il 6 ed il 7 di [[Targelione]].
==Bibliografia==
==Bibliografia==

Versione del 15:41, 7 ago 2019

Altri nomi: Latona
Figlia di Ceo e di Febe, madre di Apollo e di Artemide. Amante di Zeus, fu da questi messa incinta a Didimo, presso Mileto. Era, venuta a conoscenza del tradimento del suo sposo, fece sì che Leto potesse partorire solo in un luogo in cui non fosse mai giunta la luce del Sole. A questo punto iniziarono le peregrinazioni della dea alla ricerca di un simile posto. Esistono al riguardo due differenti versioni. Secondo alcuni Leto avrebbe partorito Artemide ed Apollo a Lycia, presso Araxa. Secondo altri invece Zeus avrebbe trasformato Leto in una lupa e, sotto queste spoglie, ella avrebbe partorito a Delo, l'unica isola che aveva accettato di ospitarla. Leto promise agli abitanti di Delo che il primo santuario di Apollo sarebbe stato costruito proprio sull'isola. Delo, inoltre, soddisfaceva le condizioni del parto a cui Leto era vincolata, in quanto era un'isola mobile ed invisibile. Dopo la nascita di Artemide e di Apollo, poi, gli dèi fissarono Delo al fondo del mare con quattro colonne e la resero visibile. Le doglie di Leto durarono nove giorni, in quanto Era aveva trattenuto l'inganno sull'Olimpo sua figlia Ilizia, la dea dei parti, la quale giunse sull'isola solo dopo che fu chiamata da Iride. Secondo la tradizione, al momento del parto, era presente anche un gallo, che divenne l'animale sacro della dea. Leto è legata anche ad un altro mito: Niobe, madre di 6 figli e di 6 figlie, aveva osato paragonarsi, in qualità di madre, a Leto, che, per questo motivo la punì facendo uccidere tutti i suoi figli. Leto e la nascita dei due gemelli veniva festeggiata a Delo il 6 ed il 7 di Targelione.

Bibliografia

Fonti antiche

Per visualizzare le fonti antiche su Leto vai a FontiAntiche:Leto

Fonti moderne

Per visualizzare le fonti moderne su Leto vai a FontiModerne:Leto