Iele



				

				

Geni femminili, molto seducenti ma malefìci, in grado di provocare malattie, ma anche di guarirle. Abitano nei venti ed in particolare nelle trombe d'aria. Sono nove belle fanciulle, che danzano e cantano nelle notti di luna piena. Se un uomo si associa a loro in queste occasioni, è costretto a rimanere per nove anni, al termine dei quali riceve in regalo un flauto da cui si traggono delle melodie seducenti, cui non si può resistere. Il nome, che significa semplicemente "esse", sottolinea il pericolo che questi esseri incarnano, al punto che è meglio nominarle solo in questa maniera estremamente generica. A volte le si definisce anche Frumoase (belle) o Malestro (Signore), con lo stesso accorgimento eufemistico per cui le terribili Erinni greche venivano chiamate Eumenidi.