Differenze tra le versioni di "Galvano"

Riga 8: Riga 8:
 
Nella letteratura arturiana gallese posteriore, Galvano è identificato con il campione locale [[Gwalchmei]].
 
Nella letteratura arturiana gallese posteriore, Galvano è identificato con il campione locale [[Gwalchmei]].
  
 +
[[Categoria:Mitologia Medievale]]
 
[[Categoria:Mitologia Arturiana]]
 
[[Categoria:Mitologia Arturiana]]
 
[[Categoria:Europa]]
 
[[Categoria:Europa]]

Versione delle 18:32, 13 dic 2018

Nipote di Artù e cavaliere della Tavola Rotonda.
È quasi sempre ritratto come il figlio della sorella di Artù, Morgana (o Anna) e del re Lot di Orkney e Lothian, suoi fratelli sono Agravain, Gaheris, Gareth, e Mordred. In alcune opere pare abbia anche sorelle.
Galvano è spesso descritto come un formidabile e temerario guerriero, fortemente leale al suo re e famiglia, amico dei giovani cavalieri, difensore dei poveri, e al servizio delle donne. In alcuni romanzi la sua forza verrebbe dal sole: la ragione di questa deduzione viene dal fatto che è invincibile durante il giorno, ma si indebolisce al tramonto. La sua conoscenza delle erbe lo rende un grande guaritore.

Figli

Gli sono attribuiti almeno 3 figli: Florence, Lovell, and Gingalain, chiamato anche Libeaus Desconus o Le Bel Inconnu, il Bello Sconosciuto. Nella letteratura arturiana gallese posteriore, Galvano è identificato con il campione locale Gwalchmei.