Dsonoqua

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Riga 1: Riga 1:
-
È un essere femminile di aspetto selvaggio, frequentemente rappresentato su totem lignei dei Kwakiutì, con un bambino in grembo. Ha labbra sporgenti, la bocca aperta ed un naso aquilino. È il prototipo della donna selvaggia e, nonostante il suo atteggiamento apparentemente materno, è una antropofaga con preferenze spiccatamente infantili. Compare spesso come maschera rituale presso questi popoli, e si ritiene che possa rappresentare una mitificazione del [[Sasquatch]]. Infatti, oltre che di antropofagia, nelle leggende locali è spesso incolpata anche del rapimento di esseri umani. La si descrive come una creatura di altezza doppia di quella umana, coperta di peli neri e con lunghe mammelle pendule. La sua controparte maschile, che compare raramente nelle leggende, viene chiamata [[Bukwas]].
+
È un essere femminile di aspetto selvaggio, frequentemente rappresentato su totem lignei dei Kwakiutl, con un bambino in grembo. Ha labbra sporgenti, la bocca aperta ed un naso aquilino. È il prototipo della donna selvaggia e, nonostante il suo atteggiamento apparentemente materno, è una antropofaga con preferenze spiccatamente infantili. Compare spesso come maschera rituale presso questi popoli, e si ritiene che possa rappresentare una mitificazione del [[Sasquatch]]. Infatti, oltre che di antropofagia, nelle leggende locali è spesso incolpata anche del rapimento di esseri umani. La si descrive come una creatura di altezza doppia di quella umana, coperta di peli neri e con lunghe mammelle pendule. La sua controparte maschile, che compare raramente nelle leggende, viene chiamata [[Bukwas]].
[[Categoria: Mitologia Pellerossa]]
[[Categoria: Mitologia Pellerossa]]
[[Categoria:Uomini Selvaggi]]
[[Categoria:Uomini Selvaggi]]
 +
[[Categoria:Creature Fantastiche dei Pellerossa]]

Versione del 22:52, 31 gen 2010

È un essere femminile di aspetto selvaggio, frequentemente rappresentato su totem lignei dei Kwakiutl, con un bambino in grembo. Ha labbra sporgenti, la bocca aperta ed un naso aquilino. È il prototipo della donna selvaggia e, nonostante il suo atteggiamento apparentemente materno, è una antropofaga con preferenze spiccatamente infantili. Compare spesso come maschera rituale presso questi popoli, e si ritiene che possa rappresentare una mitificazione del Sasquatch. Infatti, oltre che di antropofagia, nelle leggende locali è spesso incolpata anche del rapimento di esseri umani. La si descrive come una creatura di altezza doppia di quella umana, coperta di peli neri e con lunghe mammelle pendule. La sua controparte maschile, che compare raramente nelle leggende, viene chiamata Bukwas.