Differenze tra le versioni di "Cinira"

m (Sostituzione testo - 'Metamorfosi, Libro X' con 'Metamorfosi, Libro X')
Riga 13: Riga 13:
 
*[[Ovidio]], [[Biblioteca:Metamorfosi, Libro X|Metamorfosi, Libro X]]
 
*[[Ovidio]], [[Biblioteca:Metamorfosi, Libro X|Metamorfosi, Libro X]]
  
 +
[[Categoria:Mitologia Classica]]
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Mitologia Greca]]
 
[[Categoria:Europa]]
 
[[Categoria:Europa]]

Versione delle 18:49, 12 dic 2018

Figlio di Pafo, fu re di Cipro e fondatore della città di Pafo e del santuario dedicato alla dea Afrodite di cui era anche sacerdote. Sposò Cencreide dalla quale ebbe la figlia Mirra. Poiché la regina si era vantata di avere una figlia più bella di Afrodite, la dea fece sì che Mirra si innamorasse di suo padre; la ragazza riuscì con l'inganno a giacere con lui avvicinandolo nell'oscurità della notte e celando la propria identità. Da loro nacque Adone. Secondo alcuni autori Cinira si sarebbe suicidato dopo aver appreso l'inganno di cui era rimasto vittima. Per Cinna, Apollodoro e Paniassi, padre e figlia si chiamavano Teia e Smirna, ed erano un re e una principessa di Siria.

Interpretazione e realtà storica

La leggenda di Mirra e Cinira, che in alcune versioni vengono collocati in Siria, sembra essere originaria di questa terra. Il nome Adone è infatti di orgine semitica e significa il Signore.

Riferimenti letterari

La figura di Cinira nella letteratura postclassica

  • Vittorio Alfieri, Mirra, tragedia. Qui il nome del personaggio è Ciniro.

Bibliografia

Fonti antiche