Cihuacoatl



				

				

Nome dell'antica dea Serpente, simbolo della Morte-Terra; era venerata a Tepeyuc, dove in suo onore sorgeva un grande tempio. Con l'arrivo dei missionari il culto fu sostituito da quello cristiano; a tutt'oggi sulle rovine del tempio sorge il santuario della Madonna di Guadalupe.
Il nome significa Serpente femmina, ma in tempi antichi gli Aztechi la onoravano come una delle grandi madri del Messico e come «la prima dea che partorì e inflisse il travaglio del nascimento alle partorienti in omaggio alla dea Morte ». Come dea preposta ai parti, Cihuacoatl godeva di grande culto presso le puerpere. Quando i bambini venivano alla luce, in onore della dea si celebrava un rito che offre molte analogie col Battesimo: dopo una solenne invocazione, si spruzzava con l'acqua il neonato e gli si imponeva il nome, supplicando C. affinchè il bambino, purificato con l'acqua dal peccato primigenio, potesse rinascere e vivere felicemente. È probabile che gli Aztechi avessero anche loro qualche idea sul peccato originale.
Era considerata una specie di Eva biblica, in quanto presentata come madre del genere umano. Fu la prima donna a partorire figli; a ogni parto generava gemelli.
Spesso era rappresentata come la testa di una donna che fuoriusciva dalle fauci di un serpente arrotolato. Forse si tratta di un aspetto secondario della dea Coatlicue. Era anche la dea delle donne morte di parto che erano equiparate dai Totonachi a guerriere morte in un combattimento per la vita, e che però potevano diventare anche dei pericolosi vampiri, i Ciuateteo. La sua funzione legata alla maternità si evidenzia, nelle raffigurazioni in cui ha forma completamente antropomorfa, dalla grossezza dei seni.

[modifica] Epiteti

Veniva anche chiamata:

  • La prima dea che partorì;
  • Colei che infligge le doglie alle donne come omaggio alla morte;
  • Colei per la quale il peccato venne nel mondo.
  • Quilatzli


[modifica] Personaggi simili

  • Eva (Mitologia Ebraica)