Bum



				

				

Sorta di sauro preistorico che, secondo le tradizioni degli Apa Tani, una tribù locale, sarebbe vissuto (o vivrebbe ancora) nella zona. Il gigantesco rettile abitava nel fondo di un lago che un tempo si stendeva sul fondo di una valle, e che fu. prosciugato per effettuare delle piantagioni di riso. Secondo racconti degli indigeni, raccolti tra il 1945 ed il 1946, i loro antenati avrebbero distrutto questi animali; secondo altre voci il Buru vivrebbe ancora in una valle non lontana da quella degli Apa Tani. Il mostro avrebbe una lunghezza di circa 5 metri, una corporatura tozza, il collo lungo, terminante con una testa a muso lungo, con tre piastre parallele tra loro sul capo. La lingua è biforcuta e la dentatura simile a quella umana, con denti piatti, salvo dei piccoli canini. Lungo la schiena una sequenza di aculei smussati; i quattro arti sono tarchiati, e la coda, possente, è lunga circa un metro. La pelle squamosa è nerastra sul dorso e chiara sul ventre. Secondo Maekal questa descrizione può corrispondere ad un rettile del tipo di quei varani giganti che ancora vivono nelle isole della Sonda.