Bukhis

Versione del 2 lug 2020 alle 19:36 di Ilcrepuscolo (discussione | contributi) (Sostituzione testo - "==Culto==" con "==CULTO==")
(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Toro sacro al dio Montu nella città di Hermonthis (Ermant). Aveva corpo bianco e testa nera, e un disco solare sormontato da due alte piuma tra le corna. Fu considerato figlio di Nun ed assimilato a Ptah-Tatenen.
Secondo Macrobio, aveva la caratteristica meravigliosa di mutare colore ad ogni ora del giorno e, per di più. aveva le setole "che nascono in senso opposto a quello di tutti gli altri animali, per cui lo si ritiene quasi un'immagine del sole che risplende sull'emisfero opposto".

EPITETI[modifica]

Uno dei suoi titoli, che sottolineava le sue caratteristiche solari, fu "Anima di Ra".

CULTO[modifica]

Ebbe un santuario a Medinet Habu ed il suo culto si diffuse nei dintorni di Tebe e a Karnak. La necropoli di questi tori venne chiamata Bukheum, analoga al Serapeum di Apis.