Balor



				

				

Balor figlio di Dot, figlio di Net, fu il più grande guerriero fomoro. Veniva chiamato Balor dall’Occhio Maligno o dall’Occhio Penetrante, a causa dei suoi poteri: infatti uccideva con un solo sguardo del suo unico occhio, che teneva sempre chiuso. Egli aveva questo potere perché da ragazzo (all’alba dei tempi), mentre i druidi di suo padre stavano preparando una pozione mortale, lui si era affacciato dalla finestra ed i fumi della pozione gli erano entrati nell’occhio, donandogli questo venefico potere.
Balor era il Re Supremo dei Fomoriani, e fu lui a guidare il suo popolo nella Seconda Battaglia di Mag Tuired, in cui fu ucciso dal nipote Lugh come previsto da un druido.
Una profezia aveva preannunciato che Balor sarebbe stato ucciso dal nipote, così egli imprigionò la sua unica figlia Ethlinnin una torre, lontano dagli uomini. Poi si recò a razziare le mandrie magiche di Cian, un Tuatha De Danann. Questi infuriato si recò nelle Isole, la terra dei Fomoriani, e con l’aiuto dei suoi due fratelli e di un druido si rimpossessò della mandria ed entrò nella torre, dove giacque con Ethlinnin.
Quando Balor lo seppe ordinò di gettare i suoi tre nipotini gemelli da una rupe, ma durante il percorso uno dei tre cadde dal cesto e si salvò. Fu poi trovato da un druido che lo riportò a Cian, suo padre, questo bambino crebbe e gli fu dato il nome di Lugh, fu poi mandato nella Terra dei Vivi.
Quando tornò divenne re dei Dannan e alla Seconda Battaglia di Mag Tuired si scontrò con Balor, che aveva già ucciso Nuada e Ogma. Approfittando di un momento in cui l’Occhio era chiuso, Lugh si piazzò davanti ad esso ed appena quello si schiuse, lanciò un sasso che trapassò l’occhio colpendo il cervello ed uccidendo Balor, che nella morte si voltò verso i suoi uccidendo centinaia di Fomoriani.
Balor è una divinità della Morte, come suo padre e suo nonno, viene chiamato anche Bile (è anche padre di Miled) ed è il corrispondente del gallese Beli Mawr.