Angemacur



				

				

Divinità poco nota; tutto ciò che si sa è che era molto austera e che i suoi settari vivevano di mosche, formiche, scorpioni e ragnatele condite col succo di certe erbe; meditavano giorno e notte con gli occhi al cielo, esprimendo in tal modo il loro disprezzo per il bene di questo mondo.