Yogini



				

				

Le yogini, che sono 64, sono esseri semidivini dall'aspetto terrifico, attendenti di Durga e talvolta considerate sue epifanie. I testi tantrici le mettono in relazione con i 64 bhairava (divinità terrifiche al seguito di Shiva) di cui sono le spose. Raffigurazioni iconografiche delle 64 yogini si trovano in diversi templi antichi tra cui quello di Khajuraho, il Caumsath Yoginini Mandir, che da esse prende nome.

[modifica] Leggende

Nel medioevo sono fiorite sulle yogini molte leggende, sulla loro possessione simile a quella diabolica. A questo proposito il Netra-Tantra vi dedica il ventesimo capitolo. Secondo tale testo l'azione delle yogini è solo in apparenza malvagia poiché in realtà la loro possessione di un essere, ha come scopo il sacrificio di esso a Shiva e in ultima analisi la sua riunificazione con Shiva stesso, cioè la sua liberazione.
Secondo l'Abhidanottara Tantra invece le yogini - che si dividono in tra classi: Kulaja, Brahmi, Rudra - sono fate bianche come i fiori di loto con occhi rosa, amanti delle vesti candide e profumate votate all'adorazione di Sugata. Si chiamano yogini perché vogliono sottolineare che l'origine della loro forza magica è lo yoga.