Differenze tra le versioni di "Tilo"

m (Sostituzione testo - "==Bibliografia==" con "==BIBLIOGRAFIA==")
 
Riga 5: Riga 5:
 
<br>Questo episodio è effigiato su alcune antiche monete sarde.
 
<br>Questo episodio è effigiato su alcune antiche monete sarde.
  
==Bibliografia==
+
==BIBLIOGRAFIA==
 
===Fonti Antiche===
 
===Fonti Antiche===
 
*Nonno di Panopoli, ''[[Dionisiache]]'', XXV, 14
 
*Nonno di Panopoli, ''[[Dionisiache]]'', XXV, 14

Versione attuale delle 11:40, 19 lug 2020

Tilo è il protagonista di un suggestivo mito proveniente dalla Lidia e che ci è noto soprattutto nella versione tramandata da Nonno di Panòpoli, poeta greco-egizio vissuto nel V secolo, nelle "Dionisiache", un monumentale poema mitologico in 48 canti che ha come argomento le travagliate vicende di Dioniso dalla sua nascita all'assunzione sull'Olimpo (IV, 452 e ss.).
Mentre il giovane eroe Tilo camminava sulle rive del fiume Hermo urtò inavvertitamente un grosso serpente maculato e nascosto tra i cespugli; il rettile, irritato e spaventato, lo morse: a causa del veleno inoculatogli Tilo morì.
Sua sorella Moria, addolorata e disperata per la disgrazia, pregò il gigante Damasene ("il Sopprimitore"), figlio di Gaia, la Terra, di vendicare la morte del fratello. Questi riuscì ad uccidere il serpente; ma accadde che un'altra serpe, che era la compagna di quella uccisa, uscì allora dal bosco, recando con sé il "fiore di Zeus" lo depose sulla bocca del rettile esanime e lo resuscitò.
Moria, che aveva assistito alla scena, cercò anch'ella un fiore simile a quello che aveva ridato la vita al serpente e con esso fece rivivere Tilo.
Questo episodio è effigiato su alcune antiche monete sarde.

BIBLIOGRAFIA[modifica]

Fonti Antiche[modifica]