Promaco (2)

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Versione corrente (17:32, 14 nov 2019) (modifica) (annulla)
 
Riga 1: Riga 1:
 +
{{Voce
 +
|anagrafica= SCHEDA ANAGRAFICA
 +
|nome originale=-
 +
|altri nomi=-
 +
|immagine=[[Immagine:Noimage.jpg|250px]]
 +
|etimo=-
 +
|sesso=Maschio
 +
|sezione=Mitologia Classica
 +
|continente=Europa
 +
|area=Mediterraneo
 +
|paese=Grecia
 +
|origine=Greci
 +
|tipologia=Umani
 +
|sottotipologia=-
 +
|specificità=-
 +
|indole=Benevola
 +
|aspetto=Antropomorfo
 +
|animali=-
 +
|piante=-
 +
|attributi=-
 +
|elemento=-
 +
|habitat=-
 +
|ambiti=-
 +
}}
 +
Figlio di [[Esone]] e di [[Polimede]], fratello di [[Giasone]]. Mentre quest'ultimo era in viaggio per la conquista del [[Vello d'oro]], [[Esone]] fu costretto da [[Pelia]] a suicidarsi bevendo del sangue di toro. Polimede maledisse [[Pelia]] e s'impiccò, lasciando un figlioletto, Promaco per l'appunto, ma [[Pelia]] uccise il bambino sbattendolo contro un pavimento della reggia.
Figlio di [[Esone]] e di [[Polimede]], fratello di [[Giasone]]. Mentre quest'ultimo era in viaggio per la conquista del [[Vello d'oro]], [[Esone]] fu costretto da [[Pelia]] a suicidarsi bevendo del sangue di toro. Polimede maledisse [[Pelia]] e s'impiccò, lasciando un figlioletto, Promaco per l'appunto, ma [[Pelia]] uccise il bambino sbattendolo contro un pavimento della reggia.
Riga 10: Riga 35:
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
[[Categoria:Aspetto: Antropomorfo]]
[[Categoria:Indole: Benevola]]
[[Categoria:Indole: Benevola]]
-
[[Categoria:Suicidio]]
 

Versione corrente

SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: -
Specificità: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: -

Figlio di Esone e di Polimede, fratello di Giasone. Mentre quest'ultimo era in viaggio per la conquista del Vello d'oro, Esone fu costretto da Pelia a suicidarsi bevendo del sangue di toro. Polimede maledisse Pelia e s'impiccò, lasciando un figlioletto, Promaco per l'appunto, ma Pelia uccise il bambino sbattendolo contro un pavimento della reggia.