Matuku



				

				

Semidio maori, figlio di Tawhaki. È stato un cannibale con un brutto carattere, messo al mondo da uno dei suoi antenati marini che gli ha insegnato l’arte di fabbricare e far volare gli aquiloni. L’antenato ha anche insegnato a Matuku a camminare sul fondo del mare: in questo modo, può sempre sfuggire ai suoi nemici vivendo sott’acqua.

[modifica] Etimologia

Il suo nome significa “tarabuso”.