Differenze tra le versioni di "Manto"

m (Sostituzione testo - '|specificità=Profeti' con '|specificità=Profeti |sub=-')
m (Sostituzione testo - "== Riferimenti letterari ==" con "==LETTERATURA==")
 
Riga 27: Riga 27:
 
Nobildonna tebana, figlia di [[Tiresia]], fu come lui grande veggente. Fuggita da [[Tebe]] dopo la vittoria degli [[epigoni]], si ritirò a [[Claro (2)|Claro]] (città che sarebbe stata da lei stessa fondata): secondo un'altra versione fu invece catturata e inviata a [[Delfi]]. Amò [[Alcmeone]], da cui ebbe due figli, [[Anfiloco]] e [[Tisifone (2)|Tisifone]], fu poi sposa di [[Racio]], che la rese madre di [[Mopso]]. Rimasta improvvisamente vedova, Manto fece ritorno a [[Claro (2)|Claro]], e qui morì, sciogliendosi in lacrime per la sventure della sua famiglia e della sua patria; dalle sue lacrime si formò un lago, le cui acque comunicavano il dono di profetare. Vi è poi un'ultima versione secondo cui Manto dopo la morte di [[Racio]] emigrò in Italia: qui si unì al dio fluviale [[Tiberino]] ed ebbe da lui [[Ocno]].
 
Nobildonna tebana, figlia di [[Tiresia]], fu come lui grande veggente. Fuggita da [[Tebe]] dopo la vittoria degli [[epigoni]], si ritirò a [[Claro (2)|Claro]] (città che sarebbe stata da lei stessa fondata): secondo un'altra versione fu invece catturata e inviata a [[Delfi]]. Amò [[Alcmeone]], da cui ebbe due figli, [[Anfiloco]] e [[Tisifone (2)|Tisifone]], fu poi sposa di [[Racio]], che la rese madre di [[Mopso]]. Rimasta improvvisamente vedova, Manto fece ritorno a [[Claro (2)|Claro]], e qui morì, sciogliendosi in lacrime per la sventure della sua famiglia e della sua patria; dalle sue lacrime si formò un lago, le cui acque comunicavano il dono di profetare. Vi è poi un'ultima versione secondo cui Manto dopo la morte di [[Racio]] emigrò in Italia: qui si unì al dio fluviale [[Tiberino]] ed ebbe da lui [[Ocno]].
  
== Riferimenti letterari ==
+
==LETTERATURA==
  
 
=== La figura di Manto nella letteratura postclassica ===
 
=== La figura di Manto nella letteratura postclassica ===

Versione attuale delle 21:35, 25 lug 2020

SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Femmina
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: Religiosi
Specificità: Profeti
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: -

Nobildonna tebana, figlia di Tiresia, fu come lui grande veggente. Fuggita da Tebe dopo la vittoria degli epigoni, si ritirò a Claro (città che sarebbe stata da lei stessa fondata): secondo un'altra versione fu invece catturata e inviata a Delfi. Amò Alcmeone, da cui ebbe due figli, Anfiloco e Tisifone, fu poi sposa di Racio, che la rese madre di Mopso. Rimasta improvvisamente vedova, Manto fece ritorno a Claro, e qui morì, sciogliendosi in lacrime per la sventure della sua famiglia e della sua patria; dalle sue lacrime si formò un lago, le cui acque comunicavano il dono di profetare. Vi è poi un'ultima versione secondo cui Manto dopo la morte di Racio emigrò in Italia: qui si unì al dio fluviale Tiberino ed ebbe da lui Ocno.

LETTERATURA[modifica]

La figura di Manto nella letteratura postclassica[modifica]

  • Dante, Commedia. Manto viene collocata, assieme al padre, nella quarta delle Malebolge infernali, quella in cui vengono puniti gli indovini.
  • Giovanni Boccaccio, De mulieribus claris, raccolta di biografie.