Libitina Venus

(Differenze fra le revisioni)



				

				
			
Versione corrente (11:43, 22 mar 2020) (modifica) (annulla)
m (Sostituzione testo - '|specificità=Divinità della Morte' con '|specificità=Divinità della Morte |sub=-')
 
Riga 14: Riga 14:
|sottotipologia=Divinità Infere
|sottotipologia=Divinità Infere
|specificità=Divinità della Morte
|specificità=Divinità della Morte
 +
|sub=-
|indole=Neutrale
|indole=Neutrale
|aspetto=Antropomorfo
|aspetto=Antropomorfo

Versione corrente

SCHEDA
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Femmina
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Italia
Popolo/Regione: Romani
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Divinità
Sottotipologia: Divinità Infere
Specificità: Divinità della Morte
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Neutrale
Elemento: Terra
Habitat: Inferi
Tematiche: Morte

Chiamata anche solo Libitina o Lubentina, antica divinità romana, di origine ignota; dea dei funerali, la quale, dopo Servio Tullio, possedeva un tempio a cui si doveva versare una moneta a ogni decesso.
Nel suo tempio si potevano trovare tutti gli oggetti necessari per un funerale. Il suo santuario si trovava in un tempio forse a sud di Roma, nella zona dell’Aventino; in esso si riunivano gli impresari di pompe funebri ("libitinarii").
Il nome Libitina divenne anche epiteto di Venere, per equivoco con la parola "libido" (passione). In tempi successivi, fu assimilata a Proserpina.
In certi testi della letteratura, i medici venivano ironicamente chiamati "seguaci di Libitina".