Differenze tra le versioni di "Leda"

m (Sostituzione testo - "|piante=-" con "|piante1=- |piante2=- |piante3=- |piante4=- |minerali1=- |minerali2=- |minerali3=- |minerali4=- |colori1=- |colori2=- |colori3=- |colori4=-")
m (Sostituzione testo - "|attributi=-" con "|attributi1=- |attributi2=- |attributi3=- |attributi4=- |attributi5=- |attributi6=-")
Riga 39: Riga 39:
 
|colori3=-
 
|colori3=-
 
|colori4=-
 
|colori4=-
|attributi=-
+
|attributi1=-
 +
|attributi2=-
 +
|attributi3=-
 +
|attributi4=-
 +
|attributi5=-
 +
|attributi6=-
 
|elemento=-
 
|elemento=-
 
|habitat=-
 
|habitat=-

Versione delle 22:07, 14 set 2021

SCHEDA
Ledacigno.jpg
IDENTITA’
Nome orig.: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Femmina
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Origine: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: Nobili
Specificità: Sovrani
Subspecifica: -
CARATTERI
Aspetto: Antropomorfo
Indole: Benevola
Elemento: -
Habitat: -
ATTRIBUTI
Fisici
- - - -
- -
Animali
- - - -
Vegetali
- - - -
Minerali
- - - -
Alimenti
{{{alimenti1}}} {{{alimenti2}}} {{{alimenti3}}} {{{alimenti4}}}
Colori
- - - -
Numeri
{{{numeri1}}} {{{numeri2}}} {{{numeri3}}} {{{numeri4}}}
Armi
{{{armi1}}} {{{armi2}}} {{{armi3}}} {{{armi4}}}
{{{armi5}}} {{{armi6}}} {{{armi7}}} {{{armi8}}}
Abbigliamento
{{{abbigliamento1}}} {{{abbigliamento2}}} {{{abbigliamento3}}} {{{abbigliamento4}}}
{{{abbigliamento5}}} {{{abbigliamento6}}} {{{abbigliamento7}}} {{{abbigliamento8}}}
Altri
{{{altri1}}} {{{altri2}}} {{{altri3}}} {{{altri4}}}
{{{altri5}}} {{{altri6}}} {{{altri7}}} {{{altri8}}}
TEMATICHE
{{{ambiti1}}} {{{ambiti2}}} {{{ambiti3}}} {{{ambiti4}}}
{{{ambiti5}}} {{{ambiti6}}} {{{ambiti7}}} {{{ambiti8}}}

Figlia di Testio, re d'Etolia e moglie di Tindaro o Tindareo, re di Sparta. Fu la madre dei Dioscuri, Castore e Polluce, di Clitennestra e di Elena. Figli che concepì quando Zeus, sulle rive del fiume Eurota si unì a lei sotto le sembianze di un cigno, Leda, che a sua volta fu trasformata in oca, depose due uova; da un uovo nacquero Polluce ed Elena, figli immortali di Zeus, e dall'altro Castore e Clitennestra, figli mortali di Tindaro. Secondo una versione più antica, Zeus, sempre nelle vesti di cigno si sarebbe unito a Nemesi, affidando invece a Leda l'educazione dei figli.

MUSEO