Galipote



				

				

È la celeberrima denominazione con cui si indica un uomo soggetto di notte a trasformarsi in animale (capra, montone, gatto, rospo, lepre), e quindi correre tutta la notte sotto queste spoglie. Se l'animale è un cane o un lupo, si parla invece di Loup Garou. Lo stato di Galipote può manifestarsi volontariamente, per mezzo di un rito magico, o per punizione, in espiazione di qualche fallo. La Galipote, più che i tratti lugubri del licantropo, ha quelli dispettosi del folletto. Uno dei suoi giochi preferiti è di presentarsi come un grazioso animaletto affaticato, che il passante prende in braccio per pietà. Ma da quel momento il peso del cucciolo inizia ad aumentare, finché la povera vittima dello scherzo deve lasciar cadere il fardello, che si allontana sghignazzando. La trasformazione in Galipote può avvenire secondo due modalità: o è l'anima dell'uomo che passa nel corpo dell'animale prescelto, o è realmente il soggetto, anima e corpo, a trasformarsi in bestia.