Differenze tra le versioni di "Emone (1)"

m (Sostituzione testo - "== Riferimenti letterari ==" con "==LETTERATURA==")
 
(Una versione intermedia di uno stesso utente non è mostrata)
Riga 14: Riga 14:
 
|sottotipologia=Nobili
 
|sottotipologia=Nobili
 
|specificità=Principi
 
|specificità=Principi
 +
|sub=-
 
|indole=Benevola
 
|indole=Benevola
 
|aspetto=Antropomorfo
 
|aspetto=Antropomorfo
Riga 26: Riga 27:
 
Figlio di [[Creonte]] re di [[Tebe]], amò [[Antigone]] e quando suo padre condannò a morte la giovane per aver seppellito i corpi di [[Polinice]] ed [[Eteocle]], si uccise sul suo cadavere. Secondo una variante fu lui a uccidere [[Antigone]], per evitarle l'esecuzione pubblica, e si suicidò subito dopo. Era padre di [[Meone]], che prese parte alla difesa della città nonostante fosse adolescente.
 
Figlio di [[Creonte]] re di [[Tebe]], amò [[Antigone]] e quando suo padre condannò a morte la giovane per aver seppellito i corpi di [[Polinice]] ed [[Eteocle]], si uccise sul suo cadavere. Secondo una variante fu lui a uccidere [[Antigone]], per evitarle l'esecuzione pubblica, e si suicidò subito dopo. Era padre di [[Meone]], che prese parte alla difesa della città nonostante fosse adolescente.
  
== Riferimenti letterari ==
+
==LETTERATURA==
 
=== La figura di Emone nella letteratura postclassica ===
 
=== La figura di Emone nella letteratura postclassica ===
 
*Vittorio Alfieri, ''Antigone'', tragedia.
 
*Vittorio Alfieri, ''Antigone'', tragedia.

Versione attuale delle 20:39, 25 lug 2020

SCHEDA
Noimage.jpg
IDENTITA'
Nome originale: -
Altri nomi: -
Etimologia: -
Sesso: Maschio
LOCALIZZAZIONE
Sezione: Mitologia Classica
Continente: Europa
Area: Mediterraneo
Paese: Grecia
Popolo/Regione: Greci
CLASSIFICAZIONE
Tipologia: Umani
Sottotipologia: Nobili
Specificità: Principi
Subspecifica: -
ATTRIBUTI
Aspetto: Antropomorfo
Animali: -
Piante: -
Altri attributi: -
CARATTERI
Indole: Benevola
Elemento: -
Habitat: -
Tematiche: Amori, Suicidio

Figlio di Creonte re di Tebe, amò Antigone e quando suo padre condannò a morte la giovane per aver seppellito i corpi di Polinice ed Eteocle, si uccise sul suo cadavere. Secondo una variante fu lui a uccidere Antigone, per evitarle l'esecuzione pubblica, e si suicidò subito dopo. Era padre di Meone, che prese parte alla difesa della città nonostante fosse adolescente.

LETTERATURA[modifica]

La figura di Emone nella letteratura postclassica[modifica]

  • Vittorio Alfieri, Antigone, tragedia.